SEZIONE: TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
UrbanLab 2020

Spunti da Milano Smart City

28 Settembre 2020
 

L’intervento clou della prima giornata del Laboratorio AnciLab UrbanLab 2020 è stato affidato al Comune di Milano. Il capoluogo di regione occupa da anni i primi posti delle diverse classifiche relative alle smart cities. L’ICity Rank del 2019 vede Milano ancora al primo posto, per il sesto anno consecutivo, come città più smart d’Italia.


 

A illustrare il progetto Milano Smart City è stato Renato Galliano, Direzione Economia Urbana e Lavoro del Comune.

Il progetto smart parte a fine 2012 e approda alle linee guida Smart City approvate dalla Giunta nel Maggio 2014. I pilastri di queste linee guida, come illustrato dal dottor Galliano, sono:


 

  • benessere in città;
  • generazione d’impresa;
  • semplificazione amministrativa;
  • inclusione sociale e diversity;
  • città globale;
  • mobilità urbana sostenibile;
  • politiche ambientali ed energetiche.


 

Come si può notare, questi pilastri sono una declinazione più puntuale degli assi su cui si fonda una città intelligente: economia intelligente, mobilità intelligente, ambiente intelligente, persone intelligenti, vita intelligente, governance intelligente.


 

Galliano ha presentato i progetti attuati nei sette ambiti di intervento, ma soprattutto i progetti avviati e in corso. Per questi ultimi ha evidenziato i diversi obiettivi:


 

  • ampliamento dei servizi e delle attività in essere;
  • valorizzazione dei centri e delle reti;
  • progetti pilota e progetti specifici;
  • agevolazioni fiscali, supporto finanziario e accompagnamento.


 

Fra i progetti in corso si è soffermato su quello della Sharing city che, applicato attualmente a un quartiere (Porta Romana-Chiaravalle) prevede soluzioni infrastrutturali volte a realizzare e sviluppare una realtà a basso impatto energetico, la mobilità elettrica, l’efficientamento energetico di edifici, l’installazione di sistemi di gestione dell’energia sostenibile, i lampioni intelligenti. Il progetto rientra nel Programma quadro di ricerca e innovazione - 2014/2020 "Horizon 2020" che vede Milano collaborare con Londra e Lisbona (definite città lighthouse).


 

Questa esperienza si dovrà sviluppare negli Smart district, una fra le priorità del progetto smart, cui si aggiungono la semplificazione amministrativa e la realizzazione di infrastrutture e tecnologie abilitanti. La semplificazione prevede l’abbattimento o l’esenzione dalla Cosap. Mentre per le infrastrutture, Galliano ha citato il 5G e l’ammodernamento della rete del  Sistema Integrato di Controllo del Traffico e Territorio (Sctt).


 

Un progetto molto ampio, come si può vedere, ma che ha offerto spunti agli amministratori e ai tecnici locali presenti e su cui si svilupperà UrbanLab 2020 anche con il contributo delle imprese, che entreranno in gioco a partire dal prossimo incontro di giovedì 1° ottobre.

(SM)

Leggi anche...
Innovazione

La trasformazione digitale non è una somma di scadenza ma va pianificata nella sua interezza

PNRR

Pubblicati quattro avvisi per la transizione digitale dei Comuni con fondi per 225 milioni di euro

Formazione

Evento in programma mercoledì 16 novembre dalle 12.00 alle 13.30

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155