SEZIONE: FINANZA E TRIBUTI

Finanza territoriale all’esame della Corte dei Conti

31 Luglio 2014
 
La Sezione delle autonomie della Corte dei conti, nell’adunanza dell’11 luglio 2014 (deliberazione n. 20/SEZAUT/2014/FRG), ha approvato la relazione al Parlamento sui risultati delle analisi dei flussi di cassa degli enti territoriali per gli anni 2011-2012-2013. Il quadro che ne emerge, precisa la Corte, è influenzato dagli interventi che il Governo ha avviato per accelerare i pagamenti dei debiti commerciali delle Amministrazione. Per farlo, come noto, sono state rese disponibili agli enti territoriali risorse che ammontano a 23,7 miliardi di euro nell’anno 2013 e 24,7 miliardi di euro per il 2014. Le misure di alleggerimento dei vincoli del patto di stabilità interno, sottolinea la Corte, sono state interamente utilizzate da Regioni e Province ma non dai Comuni, i quali hanno usufruito degli spazi finanziari in misura inferiore del previsto, lasciando sul piatto circa 3,6 miliardi, pari al 15% delle risorse disponibili.
Sul fronte dei Comuni, la relazione indica una complessiva tenuta delle entrate correnti (+0,64% rispetto al 2012), dove il decremento delle entrate proprie (-7,18%), causato dal mancato gettito dell’IMU sull’abitazione principale, risulta sostanzialmente pareggiato, in valore assoluto, da un incremento dei trasferimenti compensativi, che, in termini percentuali, misura +22,67%. Nell’ambito delle entrate proprie spicca l’incremento (+23,82%) delle tasse da ascrivere principalmente alla Tares; in valore assoluto i Comuni hanno incassato 1,6 miliardi in più rispetto al 2012.
Le entrate in conto capitale fanno registrare un decremento degli incassi da alienazione e trasferimenti di beni immobili (-9,02% rispetto al 2012), mentre riprende l’indebitamento (+57,65%), peraltro per un importo di modesta rilevanza, in valore assoluto, pari a poco più di 1,6 miliardi per l’intero comparto dei Comuni. Molto significativo è l’aumento delle riscossioni da anticipazioni di cassa (+31,93%) determinato dalla necessità di fare fronte al mancato gettito da tassazione immobiliare per le norme intervenute nel corso del 2013.
Passando al capitolo spesa corrente i giudici contabili ne evidenziano una crescita dell’8,2%, che risulta dalla diminuzione della spesa per il personale (-2,98%) e dall’incremento della spesa per l’acquisto di beni (0,33%) e per la prestazione di servizi (12,03%). Quest’ultima voce aumenta per tutte le fasce demografiche: più contenuta nei Comuni appartenenti alle fasce fino a 5000 abitanti e decisamente più elevata in quelli di medie e grandi dimensioni.
Segno negativo invece per le spese in conto capitale (-6,33%).
Fra gli altri temi analizzati, la relazione ha analizzato con particolare attenzione l’impatto della spesa per il personale sulla spesa corrente, che per i Comuni ammonta al 28,86% per il 2013. In termini assoluti, la spesa media per un dipendente regionale ammonta a 35.035 euro, mentre nei Comuni è di 27.780 euro. Per il personale dirigente la spesa media nelle Regioni è di 92.735 e nei Comuni 87.054 euro.
Relativamente al personale, poi, la Corte ne evidenzia la distribuzione non uniforme sul territorio nazionale, che si riflette anche sul rapporto di incidenza tra dipendenti e dirigenti; nelle Regioni l’incidenza è di un dirigente ogni 17 unità di personale, nei Comuni diventa di 1/60 e nelle Province di 1/40, con significative variazioni da Regione a Regione. Sotto un profilo più generale, si assiste ad una riduzione delle unità annue. Nel triennio 2010/2012, si registrano nei Comuni riduzioni dei segretari comunali/direttori generali di -4,18%, dei dirigenti pari a -12,59% e dei non dirigenti pari a -4,68%, a fronte di una diminuzione della spesa totale complessiva del 5,10%. Le valutazioni della Sezione saranno oggetto di verifica nell’ambito del prossimo referto autunnale, le cui analisi troveranno fondamento nei dati di rendiconto 2013.

I documenti sul sito della Corte dei Conti.
Leggi anche...

Presentato uno studio sulla spesa pubblica in Lombardia realizzato dal Certet Bocconi. Stato ed enti pubblici centrali sono responsabili di oltre il 70% della spesa. Parallelamente, le Province pesano sulla spesa locale per il 4,8% e la loro abolizione porterebbe un risparmio stimato in 220 milioni di euro.

Informazione

Legge di stabilità, per Scanagatti è "l'avvio di una nuova stagione"

Via libera alle assunzioni obbligatorie delle categorie protette anche nel caso in cui l’amministrazione interessata sia in soprannumero.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2023 - P.Iva 12790690155