SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE - AMBIENTE, ENERGIA
FUTURO

Italiani e Smart City, aspettative e pessimismo

12 Aprile 2022
 

Dallo studio "Italiani e Smart City" condotto dalla società di ricerche Pepe Research e commissionato da Intel, emergono dati interessanti sulla percezione dei cittadini sul tema, con una classifica delle città che vengono considerate più smart al momento nel nostro Paese. Il percepito medio, ahimè, non è dei più positivi, ma una serie di segnali lasciano ben sperare per il futuro.
Innanzitutto, solo il 13% degli intervistati pensa di vivere in una smart city al momento, ma il 68% è convinto che la propria città lo diventerà nei prossimi 10 anni. Tra le smart city italiane in cima alla classifica del percepito c'è Milano, con la media voti più alta di tutti, ma anche Bologna e Padova hanno ottenuto la sufficienza. Appena giù dal podio Firenze e Torino, mentre le città del sud, da Bari a Catania a Napoli, registrano percentuali di apprezzamento molto basse. Ma a colpire è il risultato di Roma, che chiude la classifica in decima posizione, con una media voto di 4,3.


Trasferirsi in una smart city? Sì, se vicina al luogo di origine
Il fatto di vivere in una città smart potrebbe essere allettante per la maggior parte degli intervistati, ma a una condizione: che non fosse troppo distante dal luogo di origine. Gli italiani sono decisamente attaccati al luogo in cui vivono – il 63% non vorrebbe lasciare la propria città – ma il 61% si traferirebbe in una smart city se si trovasse nella propria regione, e la percentuale sale addirittura al 79% se questa fosse nella propria provincia. Decisamente più interessante il fatto che il 68% degli italiani intervistati accetterebbe di sostenere un maggiore costo della vita (fino a 150€ all'anno) in cambio dei vantaggi di vivere in una smart city, con un 18% che accetterebbe aumenti fino a ben 600€ all'anno per la città intelligente.


La smart city secondo gli italiani
In una una Smart City non possono mancare sostenibilità, sicurezza, efficienza energetica e mobilità intelligente. Le risposte variano a seconda dell'età degli intervistati: i giovani sono più attenti alla sostenibilità ambientale e al consumo di energia, mentre per le persone più adulte guardano con molta attenzione alla mobilità di nuova generazione, che potrebbe portare molti benefici per il traffico cittadino. (VV)

Leggi anche...

Si trovano qui 180mila aziende delle 360mila che risultano maggiormente attive nel campo del risparmio e della diffusione di una nuova cultura aziendale in materia.

Iniziative

Online il nuovo numero della rivista

IMMIGRAZIONE

Collocazione diffusa e partecipazione della società civile favoriscono l'inserimento dei richiedenti asilo.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155