SEZIONE: LAVORI PUBBLICI ED EDILIZIA
Edilizia

Regolamento edilizio tipo: che fare?

4 Febbraio 2019
 

Come è noto, la Giunta della Regione Lombardia ha pubblicato, il 31 ottobre 2018, la delibera che recepisce lo schema tipo di Regolamento Edilizio (Ret) e le Definizioni Tecniche Uniformi, adattandole alla realtà urbanistica lombarda, e ha inoltre provveduto alla raccolta delle disposizioni normative in materia edilizia, che verrà mantenuta aggiornata e sempre disponibile sul sito istituzionale di Regione Lombardia.


L’impatto che il nuovo Regolamento edilizio tipo avrà sui Comuni e la complessità dei temi trattati hanno portato Anci Lombardia, in coordinamento con la Regione Lombardia, a organizzare quattro incontri rivolti ai Comuni per assicurare un’adeguata azione informativa e propositiva. Gli incontri si sono svolti presso le sedi degli Uffici Territoriali Regionali e si sono conclusi il 4 dicembre con l’appuntamento rivolto ai Comuni delle province di Varese, Como, Lecco e Sondrio. Durante gli incontri è stata presentata una prima proposta, facoltativa e non obbligatoria per i Comuni, di Indice di regolamento edilizio, elaborata all’interno di un gruppo di lavoro coordinato da Anci Lombardia, nel quale hanno preso parte gli uffici tecnici di diverse città lombarde sia per dimensione demografica che per collocazione geografica. Obiettivo della proposta è supportare i Comuni nell’elaborazione della seconda parte dell’Indice cosi come definito nell’Intesa del Ret e specificato nella Delibera Regionale. Ricordiamo che la seconda parte si riferisce alle “disposizioni regolamentari comunali in materia edilizia” e, in specifico, alle disposizioni organizzative e procedurali, alla disciplina relativa all’esecuzione dei lavori e alle disposizioni che riguardano la qualità urbana nonché le prescrizioni concernenti gli aspetti costruttivi e funzionali.

 


“Nella proposta presentata negli incontri” ci dice Maurizio Cabras, coordinatore del Dipartimento Territorio di Anci Lombardia, “abbiamo sviluppato quella parte dell’Indice le cui disposizioni hanno caratteristiche tali da essere comuni a tutti gli enti locali, a prescindere dalla dimensione demografica e dalle caratteristiche territoriali e urbane”.


Ricordiamo, infine, che nella delibera regionale sono contenute le indicazioni utili per il necessario adeguamento dei Regolamenti Edilizi Comunali, in particolare quelle dell’allegato D. Dalle indicazioni emergono due aspetti particolarmente rilevanti: il primo è relativo ai tempi nei quali i Comuni dovranno adeguare il proprio regolamento edilizio, il secondo riguarda le modalità di attuazione delle Definizioni Tecniche Uniformi.


Maurizio Cabras ha sottolineato un altro aspetto anch’esso importante della delibera regionale: “l’attivazione di una cabina di regia che avrà tra l’altro il compito di monitorare l’attuazione del regolamento edilizio da parte dei Comuni lombardi. Alla cabina di regia Anci Lombardia sarà presente per portare i propri contributi non solo sull’attività di supporto ai Comuni, ma anche per raccogliere tutte le indicazioni tecniche necessarie a migliorare i contenuti dell’intesa nazionale”.

(SM)

Leggi anche...
Finanziamenti

Dalla Regione oltre 33 mln per opere pubbliche. A settembre altri fondi in accordo con Anci Lombardia

Edilizia

Regione Lombardia intende presentare progetti dei Comuni alla principale fiera europea del real estate

Rigenerazione urbana

Sugli scudi, fra i risultati, federalismo demaniale e piattaforma Enter per immobili degli Enti territoriali.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2021 - P.Iva 12790690155