SEZIONE: TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
STATISTICHE

Automazione dei processi: 8 PA su 10 dicono sì

14 Marzo 2022
 

Il 79% delle Pubbliche Amministrazioni considera “molto” o addirittura “estremamente” prioritario il ripensamento di workflow e processi nel quadro dei piani e delle iniziative di ammodernamento delle proprie organizzazioni. Emerge dal panel intervistato da FPA per l’indagine commissionata da Appian “Automazione dei processi e sviluppo applicativo: opportunità e prospettive per la PA”, che ha coinvolto 80 tra le principali amministrazioni centrali e locali italiane, approfondendo le sfide e le opportunità legate all’adozione di un approccio allo sviluppo improntato al miglioramento dei workflow dell’organizzazione. L’indagine è stata voluta da Appian per comprendere lo stato dell’arte in termini di conoscenza e adozione da parte degli enti pubblici dei principali strumenti e delle metodologie più avanzate di sviluppo applicativo per l’automazione e provare ad individuare i principali ostacoli nello sviluppo di nuove applicazioni e le leve su cui agire per migliorare le performance della pubblica amministrazione.


L'automazione come chiave per migliorare i servizi
L’indagine evidenzia, inoltre, la centralità dell'automazione nelle iniziative per il miglioramento dei servizi al cittadino:
    •    quasi l'80% degli intervistati concorda sul fatto che l'automazione è la chiave per migliorare i servizi, le amministrazioni locali in particolare concordano con questa affermazione.
    •    il 50% del panel si aspetta l'efficientamento dei costi dovuto all'automazione.
    •    il 43% concorda sul fatto che l’automazione permetta di ottimizzare la customer experience del cittadino perché contribuisce a migliorare l’interazione con l’utente.

Tra gli altri temi evidenziati dal panel emergono la volontà di adottare la tecnologia digitale per l’automazione (solo il 6% del panel ritiene che le iniziative in tema di automazione assumano un peso “poco” o “per nulla prioritario” all’interno della propria amministrazione), la necessità di formazione a vari livelli, i requisiti normativi che rischiano di rallentare l'innovazione, la centralità dell'automazione per migliorare i servizi ai cittadini.
Al ragguardevole 79% degli intervistati che riconosce nel tema dell’automazione un elemento centrale per le strategie di digitalizzazione, non corrisponde ancora oggi un livello sufficientemente elevato in termini di diffusione degli strumenti più avanzati e delle principali metodologie in materia. Se si esclude il solo Business Process Management (BPM) – già adottato in passato dal 70% circa del panel – sono relativamente poche le amministrazioni che hanno applicato soluzioni di intelligenza artificiale (il 37% del panel), di case management (31%) o di Robot Process Automation (21%).


Una questione di competenze
Le dinamiche mutevoli, le crescenti aspettative di cittadini e imprese, i processi sempre più complessi e le continue modifiche normative richiedono agilità anche alla PA. L'adozione di piattaforme low-code può rappresentare un'importante innovazione in termini di sviluppo applicativo e automazione dei processi. La conoscenza del low-code e di altre soluzioni di automazione intelligente non è ancora diffusa tra le PA coinvolte. I dati dell’indagine evidenzierebbero quindi un’apparente contraddizione tra la priorità riconosciuta al tema dell’automazione e la scarsa diffusione delle principali metodologie. "Anche in occasione di questa ricerca emerge come le competenze siano una delle principali leve sui cui lavorare – sottolinea Gianni Dominici, Direttore generale di FPA -. Per rinnovare la PA servono persone in grado di cogliere tutte le potenzialità delle tecnologie che abbiamo oggi a disposizione, ma questo significa lavorare non solo sulle competenze tecniche, ma anche sulle competenze trasversali e che sostengono l’innovazione di processo e organizzativa. Ora che con il PNRR le risorse ci sono si deve investire, quindi, su una formazione che parta dai reali fabbisogni delle amministrazioni e che sia davvero di qualità.”
Da questo punto di vista, tanto le iniziative di formazione rivolte ai dipendenti quanto il reclutamento di nuove leve dovrebbe focalizzarsi sullo sviluppo di competenze in grado di avvicinare sempre più le direzioni IT al mondo del business; questo anche grazie all’individuazione di nuovi skill set ibridi, frutto della combinazione di competenze tecnologiche e amministrative. (VV)

Leggi anche...
GDPR

Anci Lombardia presenta un progetto per aiutare i Comuni

BUONE PRATICHE

Tre-quattro notifiche alla settimana su strade chiuse, allerta meteo, blocchi idrici o elettrici.

Intervista agli amministratori dei due Comuni lombardi che raccontano le loro esperienze nella gestione delle gare per la fornitura di sistemi informatici

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

GeCaS by Klan.IT

GeCaS - Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari - Per un welfare della sostenibilita' e della conoscenza

GeCaS – Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari è una piattaforma per organizzare e gestire digitalmente il progetto di aiuto alla persona in ambito sociale e per facilitare le interazioni online con cittadini e assistiti.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155