SEZIONE: AMBIENTE, ENERGIA - TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
IDEE

Pittsburgh spegne le luci pubbliche della città di notte

1 Marzo 2022
 

L'urbanizzazione del mondo ha reso sempre più difficile vedere le stelle nei cieli delle città, ma entro 18/24 mesi nella città di Pittsburgh, in Pennsylvania (Usa), le cose potrebbero cambiare. Lo racconta l'edizione on line di Bloomberg: l'amministrazione comunale della città ha annunciato che diventerà una città "dal cielo scuro" a partire dal 2022, ovvero passerà a lampadine LED a basso wattaggio e diminuirà l'intensità dell'illuminazione pubblica lungo i ponti, le strade e altre aree della città. È la prima località nella parte orientale degli Stati Uniti ad adottare tali politiche, ma si unisce ad altre città, tra cui Tucson, Sedona e Flagstaff in Arizona, e Fulda in Germania, nei loro sforzi per ridurre l'inquinamento luminoso e aumentare l'efficienza energetica. "È una soluzione relativamente facile che tutti i governi locali potrebbero adottare", ha detto Grant Ervin, il capo della resilienza di Pittsburgh e la punta di diamante dell'ordinanza sul cielo scuro. "È uno degli strumenti che i governi locali hanno la possibilità di regolare e installare come standard".


Stanziati 16 mln di dollari per risparmiare oltre 1 mln di costi energetici
Pittsburgh ha stanziato 16 milioni di dollari per il progetto dei lampioni e stima che risparmierà 1 milione di dollari in costi energetici. La transizione a LED che emettono meno luce blu, o lunghezze d'onda corte che possono avere un impatto negativo su piante, insetti e altri animali selvatici può essere completata già entro 18-24 mesi, ma ci si aspetta di vedere i benefici di un "cielo buio" anche prima. Pittsburgh sarà anche la prima città al mondo a seguire la nuova illuminazione esterna incentrata sui valori della International Dark Sky Association, il che significa che seguirà i suggerimenti più completi del gruppo che circondano il wattaggio e la temperatura del colore, nonché quando e come tenere le luci accese. La missione del gruppo no-profit è di preservare il cielo notturno, ma anche di prevenire altre conseguenze dell'inquinamento luminoso. Poiché gran parte dei cambiamenti dell'ambiente sono stimolati dal sole, l'eccesso di luce artificiale può interrompere i modelli di migrazione degli uccelli o far sì che gli alberi diventino verdi troppo presto, per esempio. Può anche confondere il ciclo naturale di 24 ore giorno/notte per gli esseri umani: un cielo più scuro è stato trovato per avere effetti positivi sulla salute mentale, con l'osservazione delle stelle e meno luce blu che gioca un ruolo. (VV)

Leggi anche...
RICERCHE

Per l'energia elettrica il costo per chilowattora è il più alto fra i 19 paesi messi a confronto da Cgia di Mestre.

GRADUATORIE

Da Regione Lombardia un contributo per rinnovare gli impianti di illuminazione pubblica.

Innovazione

È Bari la prima città al mondo ad avere una propria copia mappata in 3D con realtà aumentata

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

GeCaS by Klan.IT

GeCaS - Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari - Per un welfare della sostenibilita' e della conoscenza

GeCaS – Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari è una piattaforma per organizzare e gestire digitalmente il progetto di aiuto alla persona in ambito sociale e per facilitare le interazioni online con cittadini e assistiti.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155