SEZIONE: TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
COMUNICAZIONE DIGITALE

Social e PA: quali argomenti si fanno più cliccare?

7 Giugno 2018
 

Nella percezione dei cittadini italiani, Internet ha ormai raggiunto i mezzi più tradizionali come la televisione per preferenza e affidabilità. Quasi un cittadino su due si aspetta di trovare online aggiornamenti e informazioni dalle pubbliche amministrazioni. Lo rivela un'indagine dell'Istituto Piepoli presentata a maggio 2018, che impone di tornare ancora una volta sul tema del livello di digitalizzazione della nostra Pubblica Amministrazione, dei passi avanti fatti e di quanto ancora manca per allinearci ai paesi europei. Ne abbiamo parlato spesso, qui, evidenziando che ormai per una pubblica amministrazione non è più pensabile ignorare una modalità di comunicazione digitale e disintermediata: gli enti locali devono saper comunicare in maniera efficace i servizi che offrono e raggiungere quanti più cittadini possibile.


Quante PA  sono davvero social?
Secondo uno studio Twig, la presenza in rete dei 110 capoluoghi di provincia italiani è abbastanza consolidata: l'85 per cento delle città è presente su almeno uno dei social tra Facebook, Twitter e Instagram. Ma la comunicazione, di fatto, resta molto basica e necessita di un cambio radicale di approccio. Avere uno staff formato all'utilizzo degli strumenti digitali e impostare la relazione con gli utenti in un'ottica di interazione costante sono due degli spunti che l'indagine offre alla pubblica amministrazione, invitando a superare la logica della semplice costruzione di rete o di presenza fine a sè stessa
Per inquadrare il fenomeno dal punto di vista numerico: dal 2 per cento dei comuni presenti su Facebook al 2008 si è passati al 79 per cento nel 2016, una percentuale che è rimasta costante nel 2017 e nel 2018. 


Cultura, servizi e attività dell'amministrazione al centro delle comunicazioni
Secondo lo studio Twig, l'argomento a cui i capoluoghi di provincia danno più spazio sui propri siti e pagine social è la cultura (51 per cento), seguita dalle informazioni sui servizi offerti (16 per cento) e da temi più strettamente legati alle attività dell'amministrazione (11 per cento).
Seguono, con percentuali che non raggiungono il 10%, contenuti legati alla riqualificazione urbana, al sociale, alla sicurezza (3 per cento) e all'ambiente (1 per cento). Due percentuali, queste ultime, francamente poco allineate al peso e all'importanza che hanno nella società di oggi.
Valutando però quali sono i contenuti che suscitano più interesse tra i cittadini, e quindi quelli su cui si sviluppa più interazione, la classifica cambia: al primo posto ci sono i servizi (33 per cento), seguiti dalla cultura (21 per cento) e dalla riqualificazione (19 per cento).


Si condividono più spesso le inefficienze
Nell'analisi dei commenti, Twig si sofferma anche sull'incidenza di quelli negativi sul totale: quasi la metà dei contenuti generati dai cittadini riguardano rimostranze (44 per cento), mentre tutti gli altri commenti, dalle richiesta di informazioni a semplici opinioni, rappresentano il 56 per cento. Tra gli argomenti di maggiore attrito tra cittadini e amministrazioni: la sicurezza, che sul totale delle interazioni generate raccoglie il 57 per cento di commenti negativi, i servizi (51 per cento di commenti negativi sul totale), l'amministrazione (51 per cento) e l'ambiente (48 per cento). (VV)

Leggi anche...
Innovazione

Lombardia regione con il più alto numero di contributi

PA CHE CAMBIA

Nel settore pubblico, per quanto si segnali un distacco importante dal privato, siamo già all'8 per cento.

PARADOSSI

Il ministro Bongiorno mette al bando l'uso dei termini anglosassoni nella pubblica amministrazione.

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

Bosch Energy and Building Solutions Italy S.r.l.

Bosch: nuova energia ai tuoi progetti

Bosch Energy and Building Solutions Italy è la Energy Service Company (ESCo) del Gruppo Bosch. Offre soluzioni energetiche integrate studiate per le specifiche esigenze: progettazione, realizzazione, gestione e finanziamento di impianti tecnologici. Un partner unico a cui affidarsi per risultati efficienti, reali e misurabili.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2018 - P.Iva 12790690155