SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE
ESEMPI

L'eredità del sindaco di Fornovo al suo comune

25 Giugno 2018
TEMI: Sindaco
 

Carlo Nicoli, sindaco per due mandati (dal 1962 al 1964 e dal 1975 al 1980) di Fornovo San Giovanni, poco più di 3mila abitanti nella Bassa Bergamasca ha deciso di lasciare al proprio comune un segno più che tangibile del suo legame con il territorio: due milioni e mezzo di liquidità più gli immobili, inclusa la villa in paese, ovvero la sua eredità. E il primo cittadino attuale, Gian Carlo Piana, ha annunciato: "Andremo al voto per decidere come spendere quei soldi". 

 

In previsione opere pubbliche e servizi
Scomparso nel dicembre del 2016 a 85 anni, Nicoli ha lasciato tutti i suoi averi al Comune perché li utilizzi per i suoi concittadini. E il lascito non è indifferente: due milioni e mezzo di euro solo tra contanti, azioni e titoli a cui si devono aggiungere tre appartamenti a Bergamo, uno a Treviglio, terreni, e la villa padronale in paese. Un patrimonio pari a due volte il bilancio medio annuale del municipio. Come riporta Corriere.it, Piana ha dichiarato: "Queste risorse saranno impiegate per realizzare opere pubbliche e servizi. Conoscevo di vista Nicoli, era una persona molto riservata, non mi sarei aspettato questo gesto, che ci onora e ci impegna. Mi piace credere che sapendo quanto siano scarse le risorse degli amministratori locali, abbia voluto in ultimo pensare ancora una volta ai suoi fornovesi".
Tra le priorità, c'è una nuova scuola, insieme al rifacimento della piazza. Ancora Piana: "Fornovo manca di servizi e questi soldi possono essere utili proprio per finanziarne alcuni. La nostra preoccupazione più grande ora è come queste risorse entreranno nel bilancio per non rimanere legate dai vincoli della finanza pubblica. Per questo ci stiamo già muovendo. Ma d’accordo con le opposizioni lasceremo che siano i fornovesi a dare una scaletta alle priorità. In autunno li chiameremo a una consultazione perché votino su quello che c’è da fare". (VV)

Leggi anche...

Un bando della Regione, destinato a Comuni, Province e Comunità montane, anche in partnership con università e associazioni, volto a selezionare e promuovere i progetti migliori di rigenerazione urbana e territoriale. Le candidature potranno essere presentate dal 17 al 30 settembre 2015.

Per partecipare al bando le città devono avere una popolazione di almeno 50.000 abitanti; il termine ultimo per la presentazione delle candidature è il 10 settembre 2014.

Mobilità urbana

I dati di Euromobility segnalano la forte crescita della sharing mobility nelle principali 50 città

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155