SEZIONE: ISTITUZIONI, ASSOCIAZIONISMO E RIFORME - TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
TENDENZE

E' sempre più smart working, ma non nella PA

24 Aprile 2018
 

Avanza anche in Italia, progressivamente, lo smart working, ovvero la possibilità di operare flessibilmente, slegati da un luogo fisico ma gestendo in piena autonomia il proprio tempo libero e professionale. Non un telelavoro, quindi, ma una nuova filosofia manageriale, che consiste nella libertà di svolgere il proprio compito decidendo il come e il dove, con una maggiore responsabilizzazione sui risultati. E piace sempre di più, ma non alla Pubblica Amministrazione, dove fa fatica a decollare.

Lo rivela lo studio “Lo Smart Working in Italia”, redatto dal Politecnico di Milano (PoliMi), su 206 grandi aziende interpellate: risulta che il 36% ha già avviato iniziative strutturate in tal senso, e il 9% prevede d’introdurne. Il 47% del campione ha scelto il solo lavoro da remoto per quattro giornate al mese nel 43% dei casi, nel 22% otto e nell’11% senza limiti di tempo. Un altro 47% di interpellati ha optato invece per il lavoro da remoto e il ripensamento degli spazi lavorativi, mentre il restante 6% per il solo ripensamento degli spazi.
Per chi ha scelto lo smart working, i vantaggi sono indiscutibili e li evidenzia Massimo Palermo, Country Manager di Avaya, azienda membro dell’Osservatorio SmartWorking del PoliMi. “I vantaggi sono di immediata comprensione: si va dall’employer branding all’ottimizzazione degli spazi, dalla valorizzazione dei talenti allo sviluppo delle competenze digitali, con un aumento della produttività del 15%”.

 

Uno sviluppo a tre velocità
Le grandi imprese non stanno perdendo tempo, dunque. Ma lo stesso non si può dire delle Pmi e della Pubblica Amministrazione: qui manca la convinzione che il luogo fisico non conti più e prevale la logica del controllo sul lavoratore. Dai dati prodotti dal PoliMi su un campione di 279 Pubbliche Amministrazioni, emerge che solo le PA di grandi dimensioni hanno avviato in fase di sperimentazione alcuni progetti ma con un numero limitato di persone coinvolte. Il 3% dichiara di non conoscere il fenomeno, tra chi ipotizza d’introdurlo in futuro e quanti sono incerti, lo smart working è assente nell’80% di enti pubblici, e solo il 5% ha già avviato iniziative strutturate. (VV)

Leggi anche...
APPELLI

Un'unione di comuni nel cremonese non riesce a rimpiazzare il funzionario dimissionario.

Unesco

Ricevuto dal tratto medio padano del Po il riconoscimento dell’Unesco come Riserva Biosfera Mab

Comunicazione

Un kit con cui i Comuni possono informare i cittadini sull’identità digitale

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

GeCaS by Klan.IT

GeCaS - Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari - Per un welfare della sostenibilita' e della conoscenza

GeCaS – Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari è una piattaforma per organizzare e gestire digitalmente il progetto di aiuto alla persona in ambito sociale e per facilitare le interazioni online con cittadini e assistiti.

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155