SEZIONE: TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
Innovazione

Il Piano Agid e le ricadute sui Piccoli Comuni

5 Settembre 2017
 

Sono oltre 10 milioni gli italiani che abitano in piccoli o piccolissimi Comuni, realtà territoriali che rischiano di essere per lo più tagliate fuori dal processo di innovazione previsto dal Piano triennale varato di recente dall’Agid. È quanto sottolinea in un interessante articolo, Giovanni Vetritto, Dirigente alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento degli Affari regionali e delle Autonomie (fonte: AgendaDigitale.eu).

“Il piano” scrive Vetritto, “evidenzia uno sforzo significativo ma anche una qualche genericità nell’approccio. Il problema è noto. Quando si parla di “Amministrazione digitale” si fa riferimento a un concetto generico, che tiene insieme Ministeri giganteschi e dotati di strutture di gestione della tecnologia potenti (e in qualche caso perfino pletoriche) e Comuni di 46 abitanti (ndr: nella foto il Castello di Maccastorna, Comune di 69 abitanti in provincia di Lodi) dotati come organico stabile di una brava signora che stampa i certificati e di un manutentore, integrati da un segretario comunale, un geometra e un ragioniere, ognuno a scavalco con altri enti consimili e dunque presenti per poche ore a settimana. Che quest’ultima tipologia di enti possa assumere oneri, obblighi e funzioni analoghe a quelli del Ministero dell’esempio è cosa ben difficile da immaginare”.

La conseguenza, sottolinea Vetritto, sarebbe quello di tagliare fuori dal processo di innovazione poco meno di 1 italiano su 5.

Che fare, dunque? Come poter consentire a queste realtà territoriali di restare ancorate al Piano triennale? Vetritto individua alcune scelte operative da integrare nel Piano, fra cui “mettere a disposizione dei Comuni e delle Province, a sportello e non a bando, le risorse finanziarie indispensabili a integrare i verticali con i sistemi gestionali di cui già dispongono… Attivare dei potenziatori del sistema, siano essi aggregazioni e consorzi tra Comuni che già condividono le soluzioni tecnologiche, siano Province che nel deployment dei servizi tecnologici ai Comuni dei propri territori assumono una delle loro nuove funzioni postreferendarie”.

Queste e altre condizioni possono portare a risultati positivi. “Altrimenti” avverte Vetritto “si amplierà il divario tra coloro che avranno la capacità e le condizioni obiettive per approfittarne e gli altri, confinati in un Ottocento amministrativo non più tollerabile”.

(SM)

Leggi anche...

Premiate da Regione Lombardia e Lombardia informatica gli Enti che si sono contraddistinti per semplificazione dei processi, dematerializzazione e innovazione dei servizi al cittadino

RICERCHE

Uno studio CapGemini premia il numero di servizi offerti. Ma la qualità è ancora da migliorare.

RICONOSCIMENTI

I due paesi attiveranno progetti di innovazione tecnologica nell'agroalimentare e nelle biotecnologie.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

Yes Ticket Srl

Strumenti di Welfare per dipendenti e cittadini

Soluzioni legate all’erogazione di servizi di buoni pasto/mensa diffusa, nonché alla corretta gestione della somministrazione di aiuti alle famiglie

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2021 - P.Iva 12790690155