SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE - AMBIENTE, ENERGIA - TECNOLOGIA E INNOVAZIONE - CULTURA, TURISMO E TRADIZIONI LOCALI
PATRIMONI

Una Civiltà dell'Acqua in Lombardia: tutti gli impianti candidati Unesco

5 Luglio 2016
 

Cosa significa parlare di acqua in Lombardia? Cinque dighe che regolano i laghi, 100 grandi impianti idraulici e irrigui vere e proprie opere di architettura, 40mila km di rogge, navigli, fossi e canali, quasi 1.000 fontanili che assicurano in tutta la pianura la difesa del suolo dalle sempre più frequenti alluvioni causate dal cambiamento climatico. E ancora: l’irrigazione delle campagne che fa dell’agricoltura lombarda una tra le più efficienti al mondo (oltre 7 milioni di euro di produzione, quasi il 15% di quella italiana), energia pulita (22 impianti sfruttano i piccoli salti d’acqua dei canali e producono 120 milioni di kwh), luoghi di sport e ricreazione, ambienti e paesaggi per molti versi particolari. Insomma un sistema di opere e un uso plurimo delle acque, unici a livello europeo per vastità, tecnica e funzioni.

La seconda fase del progetto di candidatura
Nasce da questi presupposti il progetto di Regione Lombardia e dei Consorzi di bonifica e di irrigazione di inserire le grandi opere idrauliche e irrigue nell’UNESCO, di cui Strategie Amministrative aveva parlato qui. Progetto che adesso si precisa e passa a una fase successiva: Regione Lombardia, insieme con i Consorzi di regolazione dei laghi e quelli di bonifica e di irrigazione con le loro Associazioni regionali e nazionali, ANBI, ha deciso di realizzare il piano “La civiltà dell’acqua in Lombardia” perché queste opere, fondamentali per la costruzione e lo sviluppo del territorio e della stessa civiltà lombarda vengano inserite nella lista del “Patrimonio Mondiale, Naturale e Culturale dell’Umanità” dell’UNESCO, al pari di palazzi, castelli, ville.

 

I siti candidati a entrare nella lista dei patrimoni Unesco
Allo scopo, sono stati prescelti 19 grandi impianti di bonifica e di irrigazione, di alto valore tecnico, paesaggistico ed estetico-architettonico; quattro marcite a testimonianza di un antico metodo di coltivazione anche questo unico in Europa; i musei e gli ecomusei che raccontano la storia della bonifica e delle sue genti; 10 fontanili per la loro valenza irrigua ed ecologica a dar conto della lunga fascia che corre sotto le Prealpi; i Navigli Milanesi, la Muzza Lodigiana e il Naviglio Civico di Cremona.
Per promuovere e diffondere la conoscenza e la funzione della bonifica e dei siti, il Progetto è accompagnato da alcune proposte e iniziative: la costruzione di un Archivio Storico della Bonifica e dell’Irrigazione (ASBI) per raccogliere in forma digitale i documenti sulle opere idrauliche e irrigue e l’individuazione di percorsi ciclo-pedonali che raccordano i siti.


Fotografi prestigiosi raccontano le vie d'acqua lombarde
Infine un’ampia campagna fotografica e una mostra itinerante presentano in sette sezioni il sistema della acque lombarde, con collaborazioni prestigiose: Gabriele Basilico ha rilevato i grandi impianti di bonifica e di irrigazione, vere e proprie “architetture d’acqua” che hanno messo in sicurezza e reso fertile “quell’immenso deposito di fatiche” che è la pianura lombarda; Gianni Berengo Gardin ha percorso i Navigli Milanesi, Lodigiani e Cremonesi e Vittore Fossati i fontanili che impreziosiscono il paesaggio e danno vita a molte specie animali e vegetali; Francesco Radino si è addentrato nei musei e negli ecomusei che raccontano la storia della bonifica e del lavoro dell’uomo; Carlo Meazza ha guardato ai laghi e ai fiumi che, regolati e gestiti, hanno offerto una risorsa fondamentale per lo sviluppo dell’economia e della società; Mimmo Jodice si è soffermato sui monumenti che assurgono ad icone del rapporto acqua-arte-società; Claudio Sabatino infine ha percorso la pianura cogliendo gli elementi (risaie, dritti filari di alberi, campiture di mais e di grano…) che compongono i modi dell’abitare, del vivere e del produrre dell’uomo della Bassa lombarda.

 

La presentazione ufficiale del progetto avverrà il 7 luglio alle 15 presso la Triennale di Milano con l'inaugurazione della mostra “La civiltà dell’acqua in Lombardia”, esposta dal 7 al 31 luglio. (Nella foto, la diga Panperduto a Somma Lombardo, VA)

 

(Valeria Volponi)
 

Leggi anche...
Rigenerazione urbana

Sugli scudi, fra i risultati, federalismo demaniale e piattaforma Enter per immobili degli Enti territoriali.

La Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci per contribuire al raggiungimento degli obiettivi in termini di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e per stimolare la cittadinanza al risparmio e all’uso razionale dell’energia.

BUONE PRATICHE

Nella video-inchiesta di Sky TG24 un percorso di efficienza, modello in Europa e nel mondo.

GeCaS by Klan.IT

GeCaS - Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari - Per un welfare della sostenibilita' e della conoscenza

GeCaS – Gestione Integrata Servizi Socio Sanitari è una piattaforma per organizzare e gestire digitalmente il progetto di aiuto alla persona in ambito sociale e per facilitare le interazioni online con cittadini e assistiti.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155