SEZIONE: AMBIENTE, ENERGIA
STUDI

Bergamo lancia un osservatorio dedicato a paesaggi e giardini

27 Luglio 2016
 

A Bergamo nasce il primo Osservatorio Internazionale dedicato a paesaggi e giardini, che con un approccio interdisciplinare attiverà percorsi di analisi e interpretazione innovativi: lettura geo-storica, paesaggio vegetale, dinamiche urbane, con idee progettuali sperimentabili anche sul campo, come la valorizzazione degli spazi e ambiti territoriali esistenti nel contesto urbano di riferimento, i processi di rigenerazione urbana che promuovono pratiche inedite del progetto di spazio pubblico e privato, applicazione di metodologie di progettazione partecipata e collettiva. Questo nuovo percorso di ricerca si inserisce in una tradizione di studi sul paesaggio portati avanti dal Centro Studi sul Territorio “Lelio Pagani” dell'Università degli Studi di Bergamo, che effettua un monitoraggio costante delle problematiche del territorio stesso e dà risposte alle esigenze che di volta in volta le istituzioni e gli enti manifestano.


Formazione universitaria e presso associazioni culturali
L’attività di formazione seguirà diversi filoni: ci saranno percorsi di Alta formazione universitaria (specialistica, di perfezionamento, master) promossi dall'Università degli Studi di Bergamo, che si occuperà anche di pianificazione, supporto all’elaborazione dei temi e dei contenuti, al coordinamento delle attività di Alta formazione universitaria. Un altro filone di attività riguarderà le attività culturali e formative inserite nella programmazione della manifestazione “I Maestri del Paesaggio” promossa dall'associazione culturale Arketipos, con la sua ricerca sul campo e applicata, a cui si aggiunge un'azione divulgativa e di sensibilizzazione sul pubblico italiano e internazionale.
A questo si aggiungono percorsi di ricerca e sperimentazione sugli aspetti applicativi dell’architettura del paesaggio e dell’urban design; in particolare sugli aspetti botanici e compositivi delle sistemazioni ambientali e sviluppare azioni atte a sviluppare e promuovere metodologie e tecniche nel campo dell’architettura del paesaggio.

 

Il ruolo del Comune di Bergamo
Comune di Bergamo e Regione Lombardia saranno di supporto nelle attività che coinvolgono il territorio: il Comune, in particolare, interverrà in fase di start up, nel coordinamento e nel coinvolgimento del territorio e condividendo le proprie strutture tecniche e dell’integrazione tra gli obiettivi e i contenuti dell’Osservatorio e quelli del Piano di Governo del Territorio del comune di Bergamo e eventualmente dei comuni limitrofi. Regione Lombardia invece avrà un ruolo fondante nell'integrazione tra il quadro dispositivo regionale in materia territoriale e paesaggistica, con particolare riferimento al nuovo Piano Paesaggistico Regionale e alla Rete Ecologica Regionale, e le tematiche sviluppate dell’Osservatorio; nell’individuazione di possibili canali di finanziamento sia dalla programmazione regionale e nazionale, sia con riferimento alla programmazione comunitaria. Inoltre si occuperà di promozione e coinvolgimento a livello istituzionale di altri enti e soggetti regionali, nazionali e internazionali per il supporto allo sviluppo delle attività dell’Osservatorio.

 

(VV)

Leggi anche...
Covid e Agenda 2030

L’Agenda 2030può essere lo strumento strategico per raggiungere questo obiettivo

GREEN MOBILITY

La proposta di legge ipotizza di rendere green la flotta statale, per un minimo del 70%.

UrbanLab 2020

La conoscenza del territorio e dei dati che da esso provengono sono importanti per una smart land

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

Edison

Costruiamo insieme un futuro di energia sostenibile

EDISON vuole essere interlocutore e partner delle realtà locali e dei loro stakeholder, per trovare risposte e soluzioni concrete ai bisogni che esprimono.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155