SEZIONE: SICUREZZA E LEGALITA'
SICUREZZA

A Varese il Comune installa un sistema di videosorveglianza

3 Maggio 2016
 

Veicoli rubati, senza assicurazione, senza revisione o attenzionati dalla Forze dell’ordine: passeranno tutti sotto l'occhio vigile del nuovo sistema di videosorveglianza che il Comune di Varese installerà grazie alle risorse economiche stanziate da Regione Lombardia nei due bandi per la videosorveglianza. Si tratta di due lotti per un totale di 79.760 euro che cofinanzieranno due progetti: il primo (da 72mila euro finanziato con 50mila euro dalla Regione Lombardia) riguarda la videosorveglianza e l’installazione di cinque portali con telecamere per la lettura targhe, l’acquisto di un software gestionale di controllo e gli allacciamenti alla fibra ottica o ponte radio. Il secondo (da 37.200 euro finanziato con 29.760 euro dalla Regione Lombardia) prevede l’acquisto di un telelaser di nuova generazione e di una autovettura ad alimentazione ibrida per la polizia locale.

 

Il coordinamento con le banche dati di Ministero e Ancitel
Le telecamere che saranno installate sono in grado di leggere le targhe in tempo reale e, attraverso accesso alle banche dati di Ministero e Ancitel, possono evidenziare la presenza di veicoli sospetti. Saranno posizionate sul territorio comunale di Varese: in viale Belforte all’intersezione con la tangenziale, intersezione tra viale Borri e via Gasparotto, via Caracciolo altezza Villa Baragiola, piazza Libertà, Largo Flaiano al termine del raccordo autostradale. “La nostra Regione bada alle cose concrete e il finanziamento di questo bando è un ottimo segnale” ha osservato il sindaco Fontana. “Sono due progetti importanti e fanno parte di fondi per 8,6 milioni di euro in tutta la Lombardia per la sicurezza con cui abbiamo finanziato 169 progetti su tutto il territorio regionale” ha aggiunto l’assessore Simona Bordonali.

 

(VV)

Leggi anche...
Legalità

Difesa della collettività, risanamento del territorio, anche ritorni economici nell'attività di antiriciclaggio

LEGALITA'

i Comuni riuniti per combattere il crimine organizzato

VIOLENZA SULLE DONNE

L'Anci sostiene la necessità di un profondo rinnnovamento e cambiamento culturale.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155