SEZIONE: AMBIENTE, ENERGIA
Rifiuti

L'Italia è ancora divisa sul piano inceneritori

19 Febbraio 2016
 

Le Regioni sono divise sul nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri che individua otto nuovi inceneritori da realizzare nel nostro paese: tre al centro (Umbria, Marche e Lazio), due al sud (Abruzzo e Campania) e tre nelle isole (due in Sicilia e uno in Sardegna), all'esame della conferenza Stato-Regioni. I governatori hanno esaminato il provvedimento all'interno della conferenza delle Regioni dove il decreto è passato a maggioranza con 14 voti favorevoli e 6 contrari (tra cui Lombardia, Marche, Umbria, Abruzzo e Molise).


Lo ha riferito il presidente della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, spiegando che il parere favorevole è comunque subordinato all'accoglimento di alcuni emendamenti che riguardano l'integrazione tra i piani regionali e quello nazionale. Da più parti è stato puntualizzato che sui nuovi impianti dovrebbero essere le Regioni a decidere perché sono loro a gestire i piani dei rifiuti e quelli della raccolta differenziata, e non il Governo centrale. Il testo integrale del decreto è disponibile in allegato.

(VV)

Leggi anche...

C’è tempo fino al 24 settembre per presentare domanda per i contributi che Regione Lombardia mette a disposizione dei Comuni per i Piani Territoriali degli Orari

OPPORTUNITA'

Obiettivo è premiare la capacità di progettare e realizzare lo sviluppo sostenibile del territorio.

La Settimana è nata all’interno del Programma LIFE+ della Commissione Europea con l’obiettivo primario di sensibilizzare le Istituzioni, gli stakeholder e tutti i consumatori sulle strategie e le politiche di prevenzione dei rifiuti.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155