SEZIONE: LAVORI PUBBLICI ED EDILIZIA - AMBIENTE, ENERGIA
Acqua

Dall’Unione Europea pesanti sanzioni per l’acqua italiana

27 Gennaio 2016
 
Gravi ritardi nel rispetto della direttiva comunitaria che prevede da oltre dieci anni la messa a norma dei sistemi fognari e depurativi. Per questo motivo dall’Unione Europea arriverà per l’Italia una pesante sanzione il cui importo verrà a breve proposto dalla Commissione europea alla Corte di giustizia europea. Si parla di 500 milioni di euro l’anno a partire dal 2016 fino al compimento delle opere. Lo sa bene Mauro Grassi, responsabile della Struttura di Palazzo Chigi #italiasicura che si occupa dello sviluppo delle infrastrutture idriche e del dissesto idrogeologico, cha ha aggiunto: "Se da un lato nel 2016 cominceremo a pagare salate sanzioni, dall'altro gli investimenti necessari a scongiurare le stesse sanzioni stentano ancora a decollare". Al momento sono stati stanziati per tutto il territorio 3,2 miliardi di euro, di cui 2,8 destinati al sud dove dovrebbero essere avviate quasi 900 opere tra depuratori, fognature e acquedotti che non sono ancora nemmeno a gara.
Tuttavia, la situazione rilevata dall’UE riguarda tutto il Paese, a partire da 14 Regioni su 20, fra cui anche la Lombardia. A livello comunale sono quasi 2500 le amministrazioni locali coinvolte, di cui 175 Comuni in Sicilia, 130 in Calabria, 128 in Lombardia e 125 in Campania. 
“A oggi“, ha sottolineato Grassi, “sono stati nominati commissari governativi per la realizzazione di fognature e impianti per la depurazione nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Sicilia. In particolare, in Sicilia il valore degli interventi oggi passati nella gestione del commissario è di oltre 600 milioni di euro. Con i “patti per lo sviluppo” poi, il Governo continuerà a garantire investimenti pubblici nelle situazioni ancora a rischio di sanzioni europee. L’obiettivo è raggiungere livelli di investimento nel sistema idrico simile agli altri paesi europei, e passare dagli attuali 36 euro/abitante almeno a 50 euro/abitante per avvicinarsi agli 80/90 euro/abitante dei paesi più virtuosi del contesto europeo“. 
(SM)
Leggi anche...
Comuni

Online il nuovo numero della rivista per gli Amministratori locali

Ambiente

Approvato dalla Giunta regionale lombarda un bando per aumentare le stazioni di ricarica e il numero dei veicoli

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155