SEZIONE: WELFARE E POLITICHE GIOVANILI

Progetti no slot: 3 milioni di euro per finanziarli

6 Luglio 2015
 
Regione Lombardia ha stabilito di stanziare tre milioni di euro per finanziare 68 progetti "no slot" sul territorio, tra gli 88 presentati a fronte del Bando per lo sviluppo di azioni di prevenzione e contrasto alle forme di dipendenza dal gioco d'azzardo lecito.
"Il gioco d'azzardo patologico è una piaga sociale sempre più diffusa in Italia, che stiamo combattendo con una legge coraggiosa e con il coinvolgimento concreto degli Enti locali e del mondo dell'associazionismo e del volontariato", ha detto l'assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi.
I tre milioni di euro, messi a disposizione dal Bilancio regionale, serviranno per premiare i migliori progetti con un importo massimo di 50 mila euro, cifra che non potrà essere superiore all'80 per cento del costo complessivo del progetto.

Richieste e disponibilità delle Province superiori al previsto
L'assessore Beccalossi si è detta felice della partecipazione, uniforme, di tutte le Province lombarde al progetto: "Al nostro appello hanno risposto decine di Comuni da tutta la Lombardia, che, insieme ai loro partner di progetto, hanno dimostrando di voler lavorare con noi per contrastare e limitare gli effetti di questa malattia del nuovo millennio. Le richieste sono pervenute da tutte le province, con un valore di circa cinque milioni di euro, superando quindi ampiamente le nostre aspettative".
I progetti presentati sono ricchi di idee e azioni: dalla valorizzazione dei locali che rinunciano alla presenza di macchinette, attraverso i notiziari comunali, con convenzioni per il pasto dei dipendenti comunali, ai flash mob con aperitivi o degustazioni di prodotti tipici nei bar che promuoveranno giochi da tavolo tradizionali.
 
Avanti, nonostante i provvedimenti statali
L'impegno della Lombardia non si ferma, nemmeno di fronte al percorso a ostacoli prospettato dal Governo: "Il nostro lavoro non deve essere vanificato da provvedimenti statali, che promettono colpi di spugna sulle nostre norme. È già una buona notizia che il Governo non abbia impugnato la riforma lombarda sulla ludopatia e non abbia presentato nei giorni scorsi il Decreto sui giochi. Se dovesse davvero trattarsi di un ripensamento, la notizia è indubbiamente positiva. Mi posso solo augurare che questo ulteriore periodo di riflessione possa servire per approfondire il tema in tutti i suoi aspetti, a partire dal coinvolgimento delle Regioni, finora escluse da qualsiasi possibilità di confronto e dialogo".

Focus sulla prevenzione
Un altro aspetto centrale nelle proposte dei Comuni riguarda le azioni di prevenzione indirizzate soprattutto alle categorie più esposte al rischio ludopatia: dalla formazione dagli educatori degli oratori agli animatori dei centri anziani, dal personale comunale agli operatori, agli assistenti sociali, al fondamentale coinvolgimento degli insegnanti e dei loro studenti e utilizzando teatro, animazione di piazze, convegni, orientamento, sportelli di ascolto mobili. Altri progetti finanziati hanno puntato sulla mappatura del territorio comunale in base alle distanze minime di 500 metri dai luoghi sensibili, che consentono quindi di individuare tutte le aree sul territorio in cui, per vicinanza a chiese, scuole, ospedali, oratori e centri di aggregazione, non sarà più possibile installare macchinette.

(VV)

Leggi anche...
DATI

L'accoglienza dei profughi, tra Sprar e strutture di emergenza, pesa ogni mese per circa 19 milioni di euro.

STATISTICHE

La partnership tra pubblico e privato come possibile soluzione, in attesa del ritorno alla normalità.

Il FEI mette a disposizione quindici milioni di euro per la realizzazione di progetti a valenza territoriale per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi nell’ambito del Programma Annuale 2012.

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155