SEZIONE: ISTITUZIONI, ASSOCIAZIONISMO E RIFORME

Macroregione Alpina, tutto pronto per il via

10 Giugno 2015
 
E' in dirittura d'arrivo la procedura di approvazione della Macroregione Alpina, l'Eusalp, che coinvolgerà un'area di 70 milioni di abitanti, 7 Stati e 48 Regioni, Laender e Cantoni su 450 mila chilometri quadrati (il 50 per cento in più dell'Italia), con un Pil di più di 200 miliardi di euro. La Strategia nasce da una iniziativa delle Regioni, con un pari riconoscimento del potere decisionale tra Regioni e Stati e ha come obiettivo lo sviluppo economico, dei trasporti e dell’ambiente. Oltre a quello di ottenere un posto importante nelle trattative con l’UE su fondi strutturali e tematiche comuni.

Per la Lombardia, un ruolo di primo piano

Il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, ha espresso grande soddisfazione per l'avvio verso l'ultima tappa, spiegando: "Abbiamo contribuito attivamente, insieme ad altre Regioni alpine alla definizione di una proposta politica e istituzionale: un lungo percorso, iniziato a Grenoble il 18 ottobre 2013, quando, per la prima volta, Stati e Regioni dell'Arco alpino si sono trovati per firmare una dichiarazione comune di intenti sulla Macroregione alpina". Il percorso è poi culminato nel mandato del Consiglio europeo alla Commissione per la preparazione di un Piano d'Azione per la "Strategia dell'UE per la Regione Alpina".ù
Altro momento cruciale, con protagonista Regione Lombardia, era stata la sottoscrizione della Dichiarazione di Milano, il 1 dicembre 2014, durante la Conferenza internazionale degli Stakeholder di Eusalp, organizzata da Regione Lombardia nell'ambito dalla Presidenza italiana del Consiglio Ue, con circa 1.000 partecipanti provenienti dai sette Paesi aderenti all'Eusalp (Austria, Francia, Germania, Italia, Liechtenstein, Slovenia e Svizzera).

Più incisività, per dare alle regioni un ruolo trainante
Alcuni dei punti che fanno parte del progetto necessitano, secondo Maroni, di un rafforzamento: "Stati, regioni, attori della società civile e, soprattutto, i cittadini europei sono stati coinvolti con il fine di rafforzare la lunga tradizione di cooperazione nelle Alpi e di complementare, anziché duplicare, le strutture di cooperazione esistenti. Oggi però la Strategia deve valorizzare queste aspettative e il lavoro fatto in questi anni, soprattutto riconoscendo chiaramente le 'radici' di questa iniziativa".

(VV)

Leggi anche...
SOLUZIONI

Orientamento e informazione su 11 aree tematiche, offerti da Regione e 16 associazioni dei consumatori.

FUSIONI

La Lombardia seconda in Italia per numero di operazioni: 17 fusioni e una incorporazione.

FORMAZIONE

Il calendario in dettaglio e tutte le modalità di iscrizione. Previste anche pillole di 15 minuti.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155