SEZIONE: CULTURA, TURISMO E TRADIZIONI LOCALI

Bergamo, riapre la Carrara

26 Maggio 2015
 
L’Accademia Carrara di Bergamo si ripresenta al pubblico con una nuova formula, dove l’antico - le opere esposte - si fondono con il moderno di alcuni dettagli dell’architettura voluta per questa pinacoteca.
Due nuove scale, gli ascensori, l’impianto di condizionamento fondamentale per la conservazione delle opere e uno studio di illuminazione con luci alogene che valorizzano le opere e non scaldano gli ambienti. Da segnalare la suggestione creata nelle sale allestite completamente con pareti scure e l’illuminazione dei faretti puntati sulle opere.

Un museo da 28 sale e oltre 600 opere
All’interno, 28 sale e oltre 600 opere: Lotto e il Pisanello, la Madonna del Mantegna…Ogni sala analizza una particolare fase artistica o è dedicata a una città, da cui le opere provengono. Qualche esempio: la sala dedicata a Venezia con cinque opere del Bellini. Al centro la Madonna col Bambini del 1430; di fronte le opere di Antonello da Messina. E poi ancora: un omaggio a Padova, a Firenze con opere della collezione Morelli e tre dipinti del Botticelli in fila. Sempre nella stessa sala forse l’opera più celebre di tutta la pinacoteca, il San Sebastiano di Raffaello. Ogni sala a una sua spiegazione - in italiano e inglese - e un disegno mentale di allestimento, una sorta di asse logico su cui si è studiato come posizionare le opere dando priorità ad alcune rispetto ad altre.

Leggi anche...
RiCORRENZE

Il 25 marzo in tutta Italia si celebra la nascita della Serenissima, con un ricco programma di eventi.

Eventi

Sesta edizione di Piano City Milano che quest’anno coinvolge altre province lombarde

IDEE

GentiliVicini rispetta le regole del nuovo dpcm e anima lo spazio durante il lockdown.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155