SEZIONE: WELFARE E POLITICHE GIOVANILI

A Monza il primo servizio Asl per mamme vegane

15 Maggio 2015
 
Una novità per le mamme vegane dall'Asl di Monza: da settembre 2015, nello staff saranno inseriti un nutrizionista e un pool di ostetriche appositamente formati per aiutare, consigliare, risolvere dubbi sull'alimentazione e sull'allattamento per chi segue questo stile di vita.
Lo segnala Corriere.it, che ha intervistato Paola Buonvicino, direttore del dipartimento per le attività Socio-Sanitarie Integrate dell’Asl Monza e Brianza: "Ascoltando medici e operatori che sono a contatto ogni giorno con donne in gravidanza o puerpere è emerso che chi segue questa dieta oggi a volte viene criticato quasi sempre ingiustamente e messo sotto pressione per la sua scelta”.

Dubbi legittimi, da risolvere

In realtà, la scelta alimentare vegana pone dubbi legittimi: come vedersela, per esempio, con la volontà di non assumere alimenti di origine animale? Latte e carne possono davvero essere eliminati senza nuocere alla futura mamma e al bambino? Da qui, la decisione di affiancare alle mamme vegane un team specializzato. Chi vorrà usufruire del servizio non dovrà fare altro che rivolgersi a uno dei Consultori dell’Asl di Monza e Brianza e richiedere un incontro di consulenza ostetrica. Nei prossimi mesi saranno anche previsti incontri di gruppo ad hoc.

Leggi anche...
Legalità

Principi di corretta condotta per le società sportive, concessionarie di impianti pubblici o meno.

Le risorse del Fondo per il credito per i nuovi nati disponibili alla data del 1 gennaio 2014 confluiranno in un Fondo per i nuovi nati istituito, nell’occasione, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

IMMIGRAZIONE

Si prevede l'accoglienza per 200mila migranti all'anno. I Comuni accoglienti passerebbero da 2.600 a 5.200.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155