SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE

Edicole, via libera alle nuove funzioni per superare la crisi dell'editoria

17 Marzo 2015
 
Non più solo giornali e riviste, ma anche alimentari, bevande, gadget e ogni merceologia che il gestore ritenga interessante, nella speranza che questo risolva la contrazione della domanda interna e aiuti a lasciarsi alle spalle la crisi dell'editoria. Quella che interesserà le edicole è una piccola rivoluzione, voluta fortemente da Regione Lombardia e in particolare dall'assessore al Commercio, Turismo e Terziario Mauro Parolini, che spiega: "Regione Lombardia raccoglie la sfida di accompagnare i gestori in questo cambiamento, i cui obiettivi principali sono quelli di tutelare gli operatori e di offrire nuove occasioni di sviluppo, valorizzando anche la funzione pubblica e il ruolo tradizionale che queste attività commerciali rivestono".
Via libera quindi a prodotti diversi da quelli editoriali, come bevande e alimentari confezionati che non necessitino di particolari trattamenti di conservazione, ma anche prodotti del settore non alimentare. Una sola condizione: l’attività prevalente deve rimanere quella della vendita di quotidiani e periodici.
Una situazione che di fatto già si verifica spesso, nei piccoli paesi, dove accanto ai giornali si trovano anche idee regalo, gadget, casalinghi e snack da acquisto di impulso.
Ma non è tutto. Con l'arrivo di Expo, sfruttando il loro posizionamento sul territorio e l'ampiezza del target a cui si rivolgono, l'idea è trasformare le edicole in punti di informazione turistica: "Con il supporto della Regione, le edicole potranno diventare uno strumento di promozione dell’attrattività della Lombardia molto efficace, ampliando così le opportunità di crescita commerciale e le loro funzioni di utilità pubblica".
La delibera, che attende il voto definitivo, prevede che l’apertura di punti esclusivi di vendita sia prevista nelle zone vincolate, depresse o non sufficientemente servite dalla rete distributiva esistente. E ad individuare i nuovi punti di vendita saranno i Comuni, attraverso i Piani di localizzazione dopo il confronto con le associazioni degli editori e dei distributori, le organizzazioni sindacali dei rivenditori maggiormente rappresentative a livello provinciale e regionale.
Leggi anche...
COMUNI DIGITALI

Se da un lato si riduce il gap tra Nord e Sud, ad essere connessa è solo una famiglia su tre.

Mobilità urbana

I dati di Euromobility segnalano la forte crescita della sharing mobility nelle principali 50 città

Le risorse verranno destinate alla ristrutturazione di circa 15mila alloggi di edilizia popolare e di alcuni quartieri periferici, al potenziamento dell’housing sociale e al depotenziamento della richiesta di edilizia sociale attraverso bonus affitti.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155