SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE

Firmato protocollo di intesa ANCI Lombardia e Assimpredil Ance

14 Aprile 2015
 
Nell’ambito del convegno Ritorno alla città, che si è tenuto nel Salone d’onore della Villa Reale di Monza l’ 11 aprile 2015, è stato firmato il Protocollo d’intesa tra ANCI Lombardia e Assimpredil Ance che danno così il via a un Tavolo territoriale sperimentale di confronto e concertazione tra le due Associazioni il cui fine è, come si legge nel documento, “avanzare proposte condivise, con particolare attenzione ai temi della rigenerazione e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente e al riuso e alla bonifica delle aree abbandonate, dismesse e inquinate”. Il tavolo è aperto anche al contributo di professionisti e associazioni. Una tavola rotonda ha preceduto la firma del Protocollo. Vi hanno partecipato il Presidente di ANCI Lombardia e Sindaco di Monza Roberto Scanagatti, il Presidente di Assimpredil Ance Claudio De Albertis, Filippo Falzone dell’Ufficio di presidenza di Assimpredil e Stefano Lo Russo, presidente commissione Politiche abitative, urbanistica e lavori pubblici di Anci e assessore al Comune di Torino. Nel suo intervento il Presidente Scanagatti ha evidenziato “la diffusa consapevolezza nei Comuni della necessità di rigenerare parti delle città, dando in tal modo una risposta vera al tema spesso dibattuto del consumo di suolo. Certo, le carte che oggi hanno in mano i Comuni non sono molte, ma qualcosa è stato fatto. Penso in particolare ai piani di governo del territorio che privilegiano questa strada”. Il Presidente ha anche sottolineato che anche i Comuni sono vittime dell’incertezza normativa di cui si lamentano gli operatori di settore: per esempio andrebbe rivisitata la legge regionale n. 12 introducendo la premialità. Inoltre, ha proseguito Scanagatti, “gli interventi sulle aree dismesse non vengono realizzati perché più costosi rispetto a interventi su aree libere. I Comuni da soli non possono farcela. Ben venga quindi un confronto e una concertazione con i deversi soggetti, Assimprendil per prima, che operano nel settore”.
Leggi anche...

Il latte crudo deve essere venduto attraverso distributori automatici, appositamente registrati e controllati dalle Asl, che devono riportare correttamente l’indicazione che il latte crudo è da consumarsi previa bollitura.

Trasporti

Istat ha pubblicato i dati riferiti al 2014 che tracciano un quadro della mobilità urbana

TENDENZE

Dall'inizio del 2016 gli under 35 che hanno scelto di diventare agricoltori sono aumentati del 12 per cento.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155