SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE
Trasporti

A Brescia un sondaggio per monitorare l’attuazione del Pums

14 Giugno 2024
 

Presentati dal Comune i risultati di "E tu come ti muovi a Brescia?", sondaggio online proposto con l'obiettivo di aggiornare le basi dati sugli spostamenti di chi si muove a Brescia e la raccolta di informazioni utili per monitorare l’attuazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums).

 

Oltre 12.000 i bresciani che hanno aderito all’iniziativa (di cui 9.000 profilati), funzionale sia alla verifica dell’efficacia degli interventi realizzati sia all’aggiornamento dello split modale, ovvero la ripartizione degli spostamenti cittadini secondo le diverse modalità di trasporto, rispondendo alla necessità di disporre di una banca dati aggiornata, che permetta all’Amministrazione di comprendere e analizzare nel tempo la domanda di mobilità di chi si sposta a Brescia, tanto più in seguito ai profondi cambiamenti riscontrati negli ultimi anni durante i quali, in un breve periodo, si è verificata una trasformazione molto significativa.

 

Il campione di dati raccolti, statisticamente allargato al totale della popolazione interessata, consente di ricostruire un totale di oltre 1 milione di movimenti al giorno in città (il 12% in più rispetto al 2022 e solo l’1,6% in meno rispetto al 2019), sintomo di una domanda di mobilità oramai tornata ai livelli pre-pandemici.

 

Rispetto al totale degli spostamenti dei residenti in città, ci si muove prevalentemente per motivi di studio o lavoro (66%), cui fanno seguito svago/sport/tempo libero (14%), commissioni personali (12%) e accompagnamento/visite di familiari (8%).

 

Per quanto riguarda le tipologie di mezzi utilizzati, le diverse forme di mobilità sostenibile totalizzano un 60%, che si articola in un 34% di trasporto pubblico, un 21% di ciclabilità e un 15% di pedonalità, mentre l’auto privata corrisponde al 39% dei movimenti complessivi.

 

Diverso il comportamento dei residenti fuori comune, che vengono e si spostano in città ancor più prevalentemente per ragioni di studio o lavoro (79%), cui fanno seguito svago/sport/tempo libero (8%), commissioni personali (8%) e accompagnamento/visite di familiari (5%)

 

Diversa è anche la preferenza dei mezzi utilizzati. La mobilità sostenibile in questo caso rappresenta il 30% degli spostamenti, che si articolano in un 26% di mezzi pubblici e in un 4% di ciclabilità, mentre prevalente risulta l’uso dell’auto privata nel 65% dei casi.

 

I dati hanno condotto ad alcune conclusioni, fra cui, la constatazione che Brescia stia quasi ritornando alla normalità dopo gli effetti del Covid-19. Per quanto riguarda i mezzi utilizzati, il mezzo privato risulta sempre il mezzo privilegiato, soprattutto nelle relazioni di scambio da/con l’esterno, ma bicicletta e il trasporto pubblico mantengono un peso rilevante.  Gli spostamenti hanno per la maggior parte carattere di sistematicità, seppure stiano aumentando gli spostamenti di tipo "ricreativo".

(SM)

Leggi anche...

Verrà firmato entro fine maggio un Accordo di Programma fra Regione Lombardia e Governo che stanzierà 100 milioni di euro per la messa in sicurezza del fiume Seveso

SVILUPPO

Obiettivo è aumentare l'appeal turistico e destagionalizzare il ruolo degli impianti di risalita.

INDAGINI

Il 51esimo Rapporto sulla situazione sociale del Paese disegna uno scenario complesso, in cui gli immigrati sono una risorsa.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155