SEZIONE: SICUREZZA E LEGALITA'
Legalità

L'indice 2022 della criminalità nelle province italiane

3 Ottobre 2022
 

Pubblicato sul Sole 24ore l’Indice della Criminalità 2022 nelle Province italiane. In cima alla classifica generale Milano, con 193.749 denunce nel corso del 2021, 5985 ogni 100mila abitanti. Tra le prime dieci classificate si incontrano altre grandi città come Torino (3ª), Bologna (4ª), Roma (5ª), Firenze (7ª) e Napoli (10ª).


La mappa dei delitti commessi e denunciati è fornita dal dipartimento di Pubblica sicurezza del Ministero dell’Interno.
 

Il territorio della Città metropolitana di Milano segna il più elevato numero di furti (95.269 denunce, 2943 ogni 100mila abitanti), in particolare nei negozi (7218, 223 ogni 100mila abitanti) e nelle auto in sosta (10.573, 326). La Città metropolitana è settima per denunce di violenze sessuali, seconda per rapine in pubblica via, terza per associazioni per delinquere.
 

Le altre province lombarde si trovano bel al di sotto della top ten di questa poco invidiabile classifica generale. Sulla base del numero di denunce ogni 100mila abitanti troviamo, nell’ordine:
 

  • Pavia (3898,5: 20.845 denunce: Posizione 14)
  • Brescia (3191,1: 40.027 denunce: Posizione 43)
  • Varese (3189,8: 28.008 denunce: Posizione 44)
  • Monza e Brianza (3024,3: 26.315 denunce: Posizione 51)
  • Bergamo (3006,3: 33.149 denunce: Posizione 52)
  • Lecco (2969: 9870 denunce: Posizione 54)
  • Mantova (2847,6: 11.517 denunce: Posizione 61)
  • Cremona (2654,2: 9324 denunce: Posizione 79)
  • Como (2615: 15.550 denunce: Posizione 83)
  • Lodi (2553,9: 5799 denunce: Posizione 87)
  • Sondrio (2338,8: 4168 denunce: Posizione 98)
     

 

La classifica generale si basa sui dati di diverse tipologie di reato, dagli omicidi (volontari consumati, preterintenzionali, stradali, colposi, da incidenti sul lavoro, infanticidi, tentanti omicidi a tutti i tipi di furti (con strappo, con destrezza, di ciclomotori, motocicli, autovetture, nei negozi, nelle abitazioni, nelle auto in sosta); dalle diverse forme di rapina alle violenze sessuali. E poi estorsioni, usura, riciclaggio, associazione a delinquere o di stampo mafioso e altro ancora, sino ai delitti informatici. In totale 41 tipologie di reato, ognuna della quali ha la propria classifica.
 

In generale, sottolinea il Sole 24ore, la mappa “conferma comunque il trend in calo dei reati: confrontando i dati 2021 con quelli del 2019, prima della pandemia, si registra una diminuzione generalizzata in termini quantitativi degli illeciti. E l’andamento è confermato in tutte le aree metropolitane: Milano, per esempio, ha messo a segno un -11,8%, mentre Roma è a -6,8%;  Firenze, Venezia e Bologna sono le grandi città con la flessione più marcata, pari al -24,6%, -17,8% e -15,3 per cento”.

(SM)
 

Leggi anche...
BUONE PRATICHE

La Regione si è dimostrata virtuosa nel rendere accessibili ai cittadini le banche dati su trattative sensibili.

Attivato già il Daspo urbano nelle aree della stazione, Bergamo Alta, centro Piacentiniano e nei parchi

LEGALITA'

i Comuni riuniti per combattere il crimine organizzato

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155