SEZIONE: WELFARE E POLITICHE GIOVANILI - CULTURA, TURISMO E TRADIZIONI LOCALI
Laboratori Lab'Impact

La mediazione interculturale (Prima Giornata): Prof. Turchi

18 Giugno 2019
 

Il primo appuntamento del Laboratorio Lab’Impact dedicato alla Mediazione Interculturale si è tenuto il 28 maggio, con l’intervento del prof. Gian Piero Turchi, Docente di Psicologia Clinica e Direttore del Master in Mediazione dell’Università di Padova. A lui il compito di approcciare un tema complesso come la mediazione interculturale, più attuale e strategico che mai in un momento storico come quello presente, in un modo originale e con un forte orientamento alla revisione critica della “forma mentis” con cui approcciamo il tema.
 

 

Oltre le “differenze culturali”: per una cultura della specie umana

Con un intervento dinamico e interattivo, portando contributi che sono il risultato di decenni di ricerca scientifica e interventi nei servizi, il professor Turchi ha smontato pezzo per pezzo i preconcetti utilizzati abitualmente nell’approcciare il tema dell’integrazione di chi è “altro” da noi. “Negli ultimi 10 anni il nostro Paese ha sicuramente assistito a un flusso migratorio importante. Ma la nostra specie ha sempre migrato, per natura: abbiamo colonizzato ogni parte del globo, nel corso dei secoli. Eppure, questi fenomeni recenti ci hanno colto di sorpresa. Perché? Perché (..) ci mette improvvisamente di fronte alla consapevolezza che non abbiamo una visione strategica del futuro della nostra specie”, spiega Turchi.
 

Sollecitati infatti a riflettere sull’etimo di “cultura”, scopriamo che fa riferimento al coltivare, al prendersi cura, ma anche al muoversi, vivere, concetti fortemente connaturati a tutta la nostra specie, che, per vivere, come ci dice la storia dell’umanità, deve interagire. Ogni volta che un membro della specie si muove ed entra in contatto con altri simili, di fatto genera cultura. Infatti, evidenzia Turchi, quelle che consideriamo “culture differenti”, sono, scientificamente, prodotti culturali peculiari che contraddistinguono persone di  differenti aree geografiche. Assumere il presupposto unificante alla base del costrutto di cultura ci consente invece di vedere che è nelle possibilità di ogni membro della nostra specie non solo di interagire con gli altri a prescindere dalla diversità dei prodotti culturali, ma anche di contribuire responsabilmente a generare prodotti culturali comuni e condivisi.


 

“L’altro da noi” tra societas e communitas

Se quindi è così fondativo ciò che ci accomuna, come si spiegano i sempre più frequenti accenti estremisti, di rifiuto, di paura, che a ogni latitudine si manifestano nei confronti di chi migra? Per leggere questi movimenti Turchi fa riferimento ai costrutti di societas e communitas e all’interazione tra i due. Per la societas, che rappresenta l’insieme di regole esplicite e formali sintetizzata nello ius, nel diritto, ed orientata alla tutela dell’interesse di una collettività, il migrante costituisce un problema. In termini di status e di diritti connessi. “E il senso di pericolo che ci assale ogni volta che non abbiamo una legge a cui fare riferimento è dato proprio dal timore che senza questa, si generi il caos”. Viceversa, la communitas intesa come la massa di interazioni in continuo movimento, caratterizzata da regole informali, casuali, ed orientata alla ricerca di obiettivi comuni e condivisi, mette comunque in campo delle modalità per interagire tra i membri della specie che abitano un certo territorio. In questo senso “la communitas c’è sempre”, anche quando alla societas mancano gli strumenti di diritto per darle governo. Nell’incertezza che caratterizza le interazioni della communitas, giacciono quindi le possibilità di generare coesione o disgregazione sociale. E’ su questo piano che agisce la mediazione, come strategia per accompagnare la communitas a costruire o consolidare regole di interazione orientate alla coesione sociale.
 

Quale dunque l’implicazione metodologica per gli operatori di settore? La sollecitazione è di superare la logica della risposta al bisogno, che schiaccia sull’emergenza, per intervenire invece sulle interazioni, sviluppando la competenza di anticipare il prodursi di conflitti e controversie. Chiosando Turchi, solo una comunità coesa riesce ad avere cura anche dei bisogni di tutti i suoi membri.

 

Leggi anche...
Beni culturali

Due giornate per vivere e divertirsi nei luoghi della cultura

nidi gratis

Il video del seminario che si è tenuto presso Anci Lombardia

OPPORTUNITA'

La misura è destinata ai giovani tra i 15 e i 34 anni per la costruzione di politiche e dinamiche sociali.

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

TMC PUBBLICITA'

Restauro beni culturali: sponsorizzazione a costo zero per i Comuni

Stimolare i Comuni ad incrementare i rapporti con le concessionarie di pubblicità per procedere al restauro dei beni culturali di proprietà pubblica mediante contratti di sponsorizzazione a costo zero per i Comuni stessi.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2019 - P.Iva 12790690155