SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE - CULTURA, TURISMO E TRADIZIONI LOCALI
ITINERARI

Turismo Lento, anno al via lungo le Ferrovie Dimenticate

3 Marzo 2019
 

Parte il 3 marzo 2019 l'Anno del Turismo Lento, iniziativa promossa dal Mibact e da Co.Mo.Do. (Cooperazione per la Mobilità Dolce) per promuovere, in tutta Italia, itinerari lenti, intelligenti e sostenibili. Un nuovo modo di "raccontare" il turismo nel nostro Paese, dopo che nel 2016 era stato proclamato l'Anno nazionale dei cammini, nel 2017 quello dei Borghi e nel 2018 quello del Cibo italiano. “Il 2019 Anno del Turismo Lento sarà un ulteriore modo per valorizzare i territori italiani meno conosciuti dal turismo internazionale e rilanciarli in chiave sostenibile favorendo esperienze di viaggio innovative, dai treni storici ad alta panoramicità, agli itinerari culturali, ai cammini, alle ciclovie, ai viaggi a cavallo. Investire sul turismo sostenibile”, aveva concluso “è una strategia di sviluppo che ha come fine la tutela e la riproposizione innovativa di luoghi, memorie, conoscenze e artigianalità che fanno del nostro Paese un luogo unico: un circuito di bellezza straordinariamente diffuso lungo tutto il suo territorio fisico, e lungo un arco di secoli di civiltà. Una strategia fondamentale per governare la crescita dei flussi turistici che ci attendiamo per i prossimi anni”, aveva dichiarato a suo tempo Dario Franceschini, titolare del Ministero promotore.


Oltre 6mila km di Ferrovie da recuperare
Sarà soprattutto la montagna a essere la grande protagonista degli itinerari del 2019. Il turismo lento sarà il motore di sviluppo dei territori montani interni nei prossimi dodici mesi, con i loro borghi, i loro sentieri, i loro paesaggi e la loro artigianalità. Si potranno percorrere itinerari poco noti e affascinanti, raccolti nel nuovo portale dedicato, l'Atlante Digitale dei Cammini d'Italia.
La prima iniziativa diffusa in programma è fissata per domenica 3 marzo e coinvolge le Ferrovie Dimenticate: un vero e proprio patrimonio inesplorato, considerando che degli oltre 6.000 km di linee ferroviarie dismesse a partire dal dopoguerra, almeno un migliaio sarebbero subito ripristinabili con investimenti contenuti. Lo dimostrano gli ottimi esempi di recupero di tratte abbandonate ormai da decenni, in tutto o in parte trasformate in vie verdi, come la Spoleto-Norcia e quella della Costa dei Trabocchi, e ancora, in via di realizzazione la Assoro-Leonforte e la Porto San Giorgio-Fermo-Amandola. Un altro modo per salvaguardare opere di architettura e ingegneria ferroviaria (ponti, viadotti, stazioni e gallerie) a favore degli escursionisti, e puntando ad una gestione turistica ciclopedonale o con il velorail (carrelli o veicoli a pedale), tenuto conto dell’immenso fascino dei paesaggi culturali attraversati.

In Lombardia vie e tracciati da riscoprire
Anche la nostra regione è interessata dalla riqualificazione delle tratte ferroviarie dimenticate. Tra queste, la Ostiglia-Treviso, Bologna-Verona, Brescia-Mantova-Ostiglia, la Bagnaria - Ponte Nizza all'interno della Ex Voghera - Varzi e la Bergamo-Zogno, in Valle Brembana. In alta Valtellina, infine, c'è il Bernina Express, in piena attività, ma dal quale possono partire diverse iniziative di valorizzazione di cibo e territorio. (VV)

Leggi anche...
Beni culturali

I principi di qualità degli interventi contenuti in un documento dell’Unione Europea e Icomos

Beni culturali

Cittadini e turisti possono ammirare il grande affresco della Sala delle Asse nel Castello Sforzesco

Beni culturali

Quattro anni di restauro e la collaborazione fra istituzioni hanno restituito un tesoro del Liberty

TMC PUBBLICITA'

Restauro beni culturali: sponsorizzazione a costo zero per i Comuni

Stimolare i Comuni ad incrementare i rapporti con le concessionarie di pubblicità per procedere al restauro dei beni culturali di proprietà pubblica mediante contratti di sponsorizzazione a costo zero per i Comuni stessi.

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

Cassa Depositi e Prestiti SpA - Group Real Estate

Far crescere il Paese e' il nostro impegno

Il Gruppo Real Estate (GRE) di CDP si propone quale global coordinator degli Enti Locali al fine di ricercare soluzioni di sistema, innovative e necessarie alla trasformazione del patrimonio da elemento di costo ad attivo, passando anche attraverso processi di razionalizzazione ed ottimizzazione degli assets.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2019 - P.Iva 12790690155