SEZIONE: LAVORI PUBBLICI ED EDILIZIA
EMERGENZA

Maltempo, in Italia il 91% dei Comuni a rischio danni

5 Novembre 2018
TEMI: EMERGENZA
 

"L'Italia si conferma un Paese ad alto rischio calamità naturali e i danni che da queste derivano hanno raggiunto livelli insostenibili. Occorre dare avvio ad un circolo virtuoso di risk management, basato su serie e continuative attività di prevenzione e protezione dei nostri territori". Lo sostiene Antonio Coviello, ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche-Iriss e professore di marketing assicurativo nell'Università S.O. Benincasa di Napoli, intervistato da IlRoma.net.
Il 91% dei comuni italiani è in aree soggette a pericolosità da frana o idraulica. In particolare, oltre l'80% della superficie della Valle d'Aosta è a pericolosità da frana, il 19,6% della Campania, il 16,1% del Molise e i 1.538 chilometri quadrati della Lombardia, che in termini percentuali rappresentano solo il 6,4% del territorio. Stando ai dati dell'ultimo studio dell'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), le alluvioni colpiscono soprattutto le pianure: l'Emilia Romagna ha a rischio il 45% del proprio territorio, seguono la Toscana con il 12% e la Lombardia con il 10%. 

 

Il nodo delle coperture assicurative
"In Italia i danni da calamità naturali sono in media di oltre 3 miliardi l'anno. In totale, per tutti gli eventi catastrofali del 2017 registrati nel nostro Paese, si stima che il settore assicurativo abbia risarcito circa 385 milioni, una cifra che riflette il grado di diffusione ancora contenuto della copertura. Chi risarcisce i restanti miliardi di danni subìti? In teoria lo Stato, ma purtroppo quasi mai è stato così, per la nota carenza di fondi. La garanzia e la certezza di ristoro dei danni, con una gestione dello Stato, può avvenire solo attraverso un sistema di coperture assicurative, così come avviene con successo già in tanti altri Paesi", ha spiegato il ricercatore del Cnr-Iriss, che coordina un gruppo di lavoro interdisciplinare all'Istituto napoletano che studia da un decennio il fenomeno.
"Le esposizioni assicurate contro i rischi catastrofali in Italia per l'anno 2018 (riferiti al volume premi incendio), per quanto riguarda i rischi commerciali, sono stimate a circa 650 miliardi per il terremoto (+8% rispetto al 2017) e a 700 miliardi per l'alluvione (+11% rispetto al 2017). In pratica, si contano circa 400.000 rischi commerciali assicurati contro il terremoto, 340.000 contro l'alluvione e si presume che molti di questi ultimi siano assicurati anche contro il terremoto (Fonte PERILS).  Per quanto riguarda i rischi residenziali l'esposizione complessiva è pari a circa 130 miliardi per il terremoto (+14% rispetto al 2017) e a 67 miliardi per l'alluvione (-16% rispetto al 2017), e si contano circa 388.000 rischi residenziali assicurati contro il terremoto, 119.000 contro l'alluvione", spiega l'esperto. Tenuto conto delle esposizioni a entrambi gli eventi catastrofali rilevati (terremoto e alluvione), le regioni che hanno contribuito più di tutte alla crescita delle esposizioni rispetto al 2017 sono il Piemonte, la Puglia e la Campania. Specificamente al terremoto, invece, le regioni che hanno maggiormente contribuito alla crescita delle esposizioni  sono la Lombardia e l'Emilia Romagna.


Cosa dice la legge di Bilancio
La Legge di bilancio 2018 (commi 768-770) ha introdotto delle importanti novità in tema di incentivi fiscali per quanto riguarda le assicurazioni contro il rischio di eventi calamitosi a copertura delle abitazioni. In particolare, a partire dal 1° gennaio 2018, per tali polizze è stata introdotta una detrazione Irpef del 19% del premio (senza limiti di importo) e l'esenzione dello stesso dall'imposta di cui alla legge n. 1216 del 1961 (che era pari al 22,25%). "La misura introdotta potrà rivelarsi un primo passo per contrastare la scarsa propensione dei cittadini italiani ad assicurare la propria casa contro i rischi legati a eventi catastrofali", spiega l'esperto; "se infatti alla fine del 2016 appena il 2% del patrimonio abitativo italiano risultava assicurato contro il terremoto e le alluvioni, tale percentuale a fine marzo 2018 (e quindi in un arco temporale di soli 3 mesi) risultava già in lieve crescita (2,5%) e si ritiene vi abbia contribuito proprio la novità contenuta nella Legge di bilancio", conclude il ricercatore.

Leggi anche...
GRADUATORIE

Da Regione Lombardia un contributo per rinnovare gli impianti di illuminazione pubblica.

PROGETTI

Le proposte, non vincolanti, dovranno rispettare gli obiettivi di sviluppo sostenibile del PGT.

Eventi

Dal consumo di suolo alla rigenerazione, dai progetti ai processi come cambierà l’urbanistica in Lombardia

TMC PUBBLICITA'

Restauro beni culturali: sponsorizzazione a costo zero per i Comuni

Stimolare i Comuni ad incrementare i rapporti con le concessionarie di pubblicità per procedere al restauro dei beni culturali di proprietà pubblica mediante contratti di sponsorizzazione a costo zero per i Comuni stessi.

MM

Costruttori di citta'

Oggi MM è una delle più grandi e diversificate società d’ingegneria in Italia, con una crescente presenza internazionale, per fornire soluzioni su misura nella progettazione e riqualificazione degli ecosistemi urbani.

GEA GUERRIERI SRL

Costruzioni a secco, bioedilizia tecnica e qualita' al servizio dell'ambiente

GEA GUERRIERI SRL è un’azienda con un’alta vocazione artigianale, attiva da tanti anni nel campo delle costruzioni a secco, in collaborazione con i principali designer. Realizziamo controsoffitti, pareti, contropareti interne, compartimentazioni REI, isolamenti termici-acustici, pavimenti sopraelevati e rivestimenti esterni.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2018 - P.Iva 12790690155