SEZIONE: SICUREZZA E LEGALITA'
LEGALITA'

Corruzione: solo il 14% dei Comuni la identifica

26 Ottobre 2018
 

Le strategie per prevenire la corruzione adottate dai Comuni italiani sono ancora troppo deboli, a iniziare dalla capacità di rilevarla: nel 2017, in 99 Comuni sui 115 capoluoghi di Provincia (l’86% del totale) non è stato constatato nemmeno un caso di corruzione al proprio interno. A rivelarlo è lo studio ‘L’anticorruzione nei comuni italiani’ curato da Civico97, Transparency International Italia e Riparte il futuro in vista della Assemblea Nazionale Anci, appena conclusa a Rimini. 
Oggetto dell'analisi sono in primo luogo le relazioni dei Responsabili per la Prevenzione della Corruzione (RPC) nei 115 Comuni per il 2015, il 2016 e il 2017, nelle quali non c’è traccia di diversi casi che sono stati poi oggetto di indagine. Se da un lato sono ancora troppo lenti gli effetti di quell’operazione avviata con la legge 190 del 2012, che avrebbe dovuto portare a un meccanismo di autodenuncia di casi di corruzione all’interno della Pubblica amministrazione, dall'altro manca una definizione precisa e condivisa di cosa sia un “evento corruttivo”, un tema in merito al quale Anac non ha dato indicazioni precise agli enti pubblici.


Ma il whistleblowing?
Nel corso del 2017, l’85,2% delle amministrazioni monitorate (98 su 115) non ha raccolto alcuna segnalazione di corruzione da parte dei dipendenti dei Comuni e delle società partecipate, segnando un calo del 10% rispetto ai dati rilevati nel 2016. I comuni capaci di trovare gli illeciti, che erano 23 nel 2015 e 24 nel 2016, nel 2017 sono stati appena 16. Questo nonostante lo scorso anno siano stati 108 su 115 i Comuni che hanno adottato procedure di Whistleblowing, introdotte in Italia dalla legge 179 del 30 novembre 2017 allo scopo di tutelare il lavoratore che segnali attività illecite delle quali sia venuto a conoscenza nell’ambito del rapporto di lavoro. L’email rimane sempre il canale preferito per segnalare (nel 2017, per oltre il 60% degli enti) poiché è considerata più semplice da attivare.


Chi denuncia è tutelato?
Ma se la legge 179/2017 obbliga tutte le amministrazioni ad adottare almeno uno strumento che permetta di garantire la riservatezza del segnalante, nei fatti questi sistemi non sono attivi in tutti i Comuni. E qualche effetto c’è: se nel 2015 erano stati 78 i dipendenti della Pa autori di segnalazioni e nel 2016 130, nel 2017 si è scesi a 68. I Comuni che hanno ricevuto segnalazioni dai dipendenti? Nel 2015 erano 23, nel 2016 erano 21 e nel 2017, anche in questo caso, c’è stato un calo e si è arrivati a 17 amministrazioni. “Gli enti pubblici devono adottare quanto prima dei sistemi informatici di segnalazione in grado di garantire la sicurezza e l’anonimato del segnalante” ha dichiarato Davide Del Monte, direttore esecutivo di Transparency International Italia. “Purtroppo viviamo in un Paese in cui chi segnala un caso di corruzione è ancora identificato come lo spione – ha sottolineato – viene discriminato e rischia addirittura il posto di lavoro. Per questo bisogna utilizzare tutti i mezzi necessari per difendere queste persone e la loro identità”.


Quello che non torna
Incrociando i dati contenuti nelle relazioni con i risultati raccolti nel 2017 dal portale ‘La mappa della corruzione’ di Transparency International Italia, qualcosa non torna. E ci sono una serie di casi di cui nelle relazioni non c’è traccia. Per esempio, l’indagine che, ad Alessandria, ha riguardato un consulente e compagno della sindaca indagato per aver tentato di convincerla a cedere rami di un’azienda comunale. O quella che a Brindisi è partita nei confronti del comandante della polizia municipale per corruzione e induzione indebita. A Caserta il Comune non è stato in grado di rilevare il caso di un dirigente della polizia municipale poi arrestato per aver chiesto una tangente a una società per la raccolta dei rifiuti. A Firenze, nessuna traccia nella relazione dei Responsabili della Prevenzione della Corruzione della condotta del dirigente del Servizio Sport sospeso per turbativa d’asta insieme al funzionario istruttore in merito all’andamento in concessione della palestra e della piscina San Marcellino e dell’impianto sportivo Paganelli. 


Qualcosa si muove, lentamente
I dati positivi arrivano dal numero di segnalazioni provenienti da soggetti esterni all’amministrazione. Dai 20 del 2016, si è passati ai 42 del 2017. E, a riguardo, va sottolineato che solo la legge 179 ha imposto ai Comuni (da dicembre 2017) l’obbligo di prendere in considerazioni queste denunce. Cambiano, anche se a rilento, trasparenza e accessibilità della PA: nel 2017, 100 enti pubblici su 115 hanno dichiarato di aver ricevuto una o più istanze di accesso civico generalizzato, ovvero richieste da parte dei cittadini di accedere agli atti detenuti dalle amministrazioni. (VV)

Leggi anche...
BUONE PRATICHE

La Regione si è dimostrata virtuosa nel rendere accessibili ai cittadini le banche dati su trattative sensibili.

Legalità

Prende il via un percorso formativo organizzato da ReteComuni per il contrasto al riciclaggio

Eventi

Due argomenti di estremo interesse che verranno affrontati insieme ad altri in un convegno il 10 maggio

Studio Cavaggioni

Studio Cavaggioni, supporto nella gestione dei servizi

Lo Studio fornisce agli Enti il supporto nella gestione operativa dei servizi, offrendo consulenza e individuando nuove opportunità di sviluppo

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2019 - P.Iva 12790690155