SEZIONE: WELFARE E POLITICHE GIOVANILI - ISTITUZIONI, ASSOCIAZIONISMO E RIFORME
Demografia

Sindaci e Comuni di fronte al calo demografico

25 Agosto 2017
 

Il Meeting 2017 di Comunione e Liberazione ha ospitato una tavola rotonda cui hanno partecipato Sindaci di Comuni capoluogo. Fra i temi toccati il calo demografico. Sul tema i dati Istat mostrano nel 2016 un drastico calo del saldo naturale con un -141.823. Il calo della natalità è legato a doppio filo alla diminuzione delle famiglie: si formano sempre più tardi e sono nuclei sempre più piccoli, con un numero medio di componenti di 2,32 persone.

“Quel che spaventa le giovani coppie della vita famigliare è soprattutto la mancanza di prospettive lavorative”, ha detto Matteo Ricci, Sindaco di Pesaro e vice-presidente Anci. La mancanza di risorse da parte dei Comuni è un elemento che incide: “Nel 2000 i sindaci avevano molti più soldi da spendere” ha aggiunto Ricci. “Tutti i giorni entro in comune cercando di capire cosa si può fare dal basso per creare nuovi posti di lavoro”.

“Questi dati ci raccontano un’Italia fragile e in deficit di speranza” ha commentato il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori. “Nel 2016 a Bergamo il saldo naturale è stato di 477 persone in meno, ma il saldo demografico è positivo, siamo riusciti a invertire la tendenza, per la prima volta la città comincia a crescere in 4 anni”.

“Come possiamo essere tranquilli e sereni se non abbiamo una strategia chiara sulla natalità e su come giovani coppie possano trovare strumenti ideali per poter costruire le famiglie?” si è chiesto Dario Nardella, Sindaco di Firenze, che ha aggiunto: “L’anno scorso a Firenze il numero di separazioni e divorzi per la prima volta nella storia ha superato il numero di matrimoni. Dobbiamo interrogarci sulla nostra società, sempre più materialista e individualista”.

Per il Sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, l’ostacolo maggiore all’inversione di tendenza è la farraginosa e ipertrofica burocrazia italiana caratterizzata da una sovrapposizione di piani, norme, legislazioni e dalla lentezza della macchina amministrativa.

(SM)

Leggi anche...
ACCORDO

Messi a disposizione dalla Regione 24 milioni di euro. Buono il feedback dei primi comuni capoluogo.

Possono partecipare all'iniziativa gli enti locali iscritti alla Rete regionale dei Centri Risorse Locali di Parità e le Associazioni iscritte all'Albo regionale delle associazioni movimenti di pari opportunità che presenteranno, entro l'11 luglio, un progetto di intervento sul territorio.

Secondo la Governance Poll de Il Sole 24 Ore, cresce la propensione dei cittadini a rieleggere il primo cittadino. Crollano i consensi solo nelle città più grandi.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155