SEZIONE: AMBIENTE, ENERGIA
PROSPETTIVE

Agricoltura, dalla Dichiarazione di Bergamo cinque linee di sviluppo future

20 Ottobre 2017
 

Cosa resta del G7 dell'Agricoltura, concluso il 15 ottobre 2017 a Bergamo? Molte polemiche, legate in particolare alla difficoltà di trasformare in progetti concreti le tante proposte emerse - difficoltà denunciata, in particolare, dal Ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina in un post sul suo profilo Facebook - e un documento programmatico, la Dichiarazione di Bergamo, sottoscritto all'unanimità da Italia (che aveva la presidenza di turno), Stati Uniti, Canada, Francia, Regno Unito, Giappone, Germania, dall'Unione europea e sostenuta anche dalle istituzioni non governative che operano nel contesto agricolo e alimentare, come Fao, Ifad, Unione africana, Ocse, World food program, Slow food. 

 

I cinque punti fondamentali della Dichiarazione
La Dichiarazione di Bergamo poggia su cinque punti fondamentali: tutela dei produttori; cooperazione agricola con l'Africa; trasparenza dei prezzi; battere lo spreco; tracciabilità per i sistemi produttivi territoriali. Vediamoli in dettaglio: 

 - Tutela del reddito dei produttori dalle crisi climatico-ambientali, mandato alla Fao: la Dichiarazione di Bergamo sancisce fra gli obiettivi quello di promuovere la tutela del reddito dei produttori, a partire dai piccoli, davanti alle crisi economiche e i disastri climatici.
I paesi del G7, insieme a Ifad, World food program e Ocse hanno concordato di affidare alla Fao il compito di studiare un programma di azioni e individuare una definizione unitaria di evento catastrofico che oggi manca. 

 - Più cooperazione agricola con l'Africa: aumento della cooperazione agricola, sviluppo delle partnership nella ricerca, del trasferimento di conoscenza e tecnologia. La zona prioritaria di intervento, anche in relazione al fenomeno migratorio, è il continente africano, dove il 20% della popolazione soffre di povertà alimentare. 

 - Maggiore trasparenza nei prezzi del cibo: impegno a rafforzare la trasparenza nella formazione dei prezzi e nella difesa del ruolo degli agricoltori nelle filiere, soprattutto di fronte alle crisi di mercato e alla volatilità dei prezzi. In particolare, sui mercati locali si lavora a partire dalla Fao, per dotare i produttori di strumenti che li aiutino nella definizione dei prezzi anche utilizzando big data e previsioni sull'andamento dei mercati.

- Battere lo spreco alimentare: necessità di rafforzare le norme e le azioni per ridurre le perdite di cibo e gli sprechi alimentari, che oggi coinvolgono un terzo della produzione alimentare mondiale.

- Tracciabilità per i sistemi produttivi territoriali: adozione di politiche concrete per la tracciabilità e lo sviluppo di sistemi produttivi legati al territorio.
 

(Valeria Volponi)

 

Leggi anche...
CONCORSO

Sono aperti i casting: le candidature dei cittadini si raccolgono entro il 1 novembre.

INNOVAZIONE

Il Ministero dell'Ambiente e Regione Lombardia migliorano la sostenibilità delle comunità locali.

UrbanLab 2020

Molti progetti dal nuovo sistema informativo alla mobilità sostenibile

IDEA PLAST

Giochi e arredi green: diamo una seconda vita alla plastica

Realizziamo il sogno di prevenire la formazione di rifiuti e dare una “seconda” incredibile vita alla plastica trasformandola in giochi e arredi.

Edison

Costruiamo insieme un futuro di energia sostenibile

EDISON vuole essere interlocutore e partner delle realtà locali e dei loro stakeholder, per trovare risposte e soluzioni concrete ai bisogni che esprimono.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155