SEZIONE: SICUREZZA E LEGALITA' - WELFARE E POLITICHE GIOVANILI
IMMIGRAZIONE

Profughi, Brianza virtuosa nell'accoglienza

30 Agosto 2016
 

I comuni brianzoli sono più solidali nei confronti dei richiedenti asilo rispetto a quelli di altre zone d’Italia: se a livello nazionale 3 centri su 4 non ospitano nessun profugo, il rapporto si ribalta in Provincia di Monza dove 42 città su 55 hanno aperto le porte a chi è arrivato sulle nostre coste in cerca di un futuro migliore.
Sta cambiando, nel frattempo, la composizione dei nuclei familiari che arrivano in zona: gli stranieri, in gran parte uomini giovani, continuano a giungere sul territorio a piccoli gruppi, ma nelle ultime settimane è cresciuto l’approdo di donne e di famiglie fino a un paio di mesi fa pressoché inesistente. In Brianza continuano ad arrivare soprattutto migranti africani e asiatici: i gruppi più numerosi provengono dalla Nigeria, dal Mali, dal Gambia e dal Bangladesh.

 

Numeri quasi emergenziali
Attualmente i richiedenti protezione sono 1.550: un numero che sta spingendo la Prefettura alla ricerca di un terzo hub da affiancare allo Spallanzani di Monza e al centro di Agrate gestito dalla Croce Rossa. Proprio quello di Agrate, con 130 giovani profughi, resta il punto di prima accoglienza più affollato.
La Provincia, intanto, ha concesso al Consorzio Comunità Brianza l’utilizzo di altri tre ambienti nella palazzina di Mombello che fino a un paio di anni fa era adibita a uffici.

Leggi anche...
covid-19

Le disposizioni sono valide dal 22 ottobre al 13 novembre 2020

REPORT

Nel report Fuori dal Comune 2018 i mali che affliggono le amministrazioni, da Nord a Sud.

Enti Locali

Anche Anci Lombardia ai tavoli tematici per discutere delle politiche regionali

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155