SEZIONE: SICUREZZA E LEGALITA'
LEGALITA'

Beni sottratti alla mafia, la Lombardia è quinta

2 Maggio 2016
 

Regione Lombardia nel 2015 ha approvato la legge 17 che prevede il conferimento di risorse per incentivare il recupero ai fini sociali e sostenere il riutilizzo da parte degli enti locali di beni confiscati alla criminalità organizzata. E' anche grazie a norme come questa che - lo ha detto l’assessore regionale alla Sicurezza, protezione civile e immigrazione, Simona Bordonali - la Lombardia ha messo a segno una serie di risultati importanti nella lotta alla criminalità organizzata, come certificato dalla “Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata”.

La nostra regione è quinta dopo Sicilia, Campania, Calabria e Puglia: al 30 settembre 2015 risultano confiscati in Lombardia 1.266 immobili, vale a dire il 7,2% del totale nazionale. Anche il numero delle aziende sequestrate è rilevante: sono 283, numero che fa della Lombardia la quinta regione per entità del fenomeno, dopo Sicilia, Campania, Calabria e Lazio. La maggior parte dei beni immobili confiscati si trova nella provincia di Milano, dove più alta è la presenza della criminalità organizzata.

 

Ancora complesso restituirli alla collettività

L’attività di valorizzazione e restituzione alle collettività dei beni confiscati presenta purtroppo diversi aspetti critici: passaggi lunghi e “farraginosi”, varie competenze, progressiva svalutazione del patrimonio col tempo e sua rivalutazione prima del reinserimento nel mercato. Un meccanismo insomma complesso. La Regione Lombardia ha avanzato tre proposte sviluppate da un apposito gruppo di lavoro. "Intendiamo, in raccordo con la sede territoriale dell’Anbsc, realizzare un portale appoggiato al Sistema informativo territoriale che organizzi, aggiorni, renda fruibile e trasparente l’informazione sui beni immobili e le aziende confiscate presenti sul territorio regionale. Vogliamo poi farci promotori della sottoscrizione del Protocollo di intesa tra diversi soggetti coinvolti nella gestione e recupero sociale dei beni confiscati alla criminalità, riproponendo il protocollo sperimentale sottoscritto nel 2012 tra Tribunale di Milano, Regione Lombardia, Provincia di Milano, Camera di Commercio di Milano, Comune di Milano, Anbsc e Assolombarda", ha spiegato Bordonali. L’accordo sancirebbe l’avvio di un coordinamento per l’istruttoria e la gestione dei procedimenti relativi al sequestro e confisca dei beni alla criminalità.

 

(VV)

Leggi anche...
Legalità

Anac ha pubblicato la delibera con cui viene approvato il nuovo PNA

TUTELA

L'invito ai Comuni per fare azioni di contrasto e prevenzione in vista del 25 novembre.

Bandi

Cofinanziati da Regione i progetti dei Piccoli Comuni per migliorare la sicurezza stradale

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155