SEZIONE: SICUREZZA E LEGALITA'
WELFARE

Rescaldina, un bene confiscato diventa housing psichiatrico

24 Febbraio 2016
 

Continuano le confische alla mafia a Rescaldina (Va), questa volta con una finalità sociale. In via Barbara Melzi una villetta bifamiliare di proprietà di Emilio Di Giovine, 'ndranghetista della 'ndrina dei Di Giovine, insediata a Reggio Calabria con ramificazioni al nord, come a Milano e all'estero, negli Stati Uniti, è stata rilevata dal Comune, che ha un piano ben preciso: "Questa è solo una delle tante proprietà del boss che vi abitò per un breve periodo diversi anni fa. L'immobile - 8 vani su 200 metri quadri - è stato confiscato nel 2007. Intendiamo realizzarci un appartamento per l'housing psichiatrico in collaborazione con la cooperativa Il Portico e il Cpa di Legnano", ha spiegato il sindaco di Rescaldina, Michele Cattaneo.

(VV)

Leggi anche...
STATISTICHE

Nell'annuale Mappa dell'Intolleranza di Vox donne, neri ed ebrei sono ancora oggetto di attacchi violenti.

LEGALITA'

In arrivo anche un riconoscimento per i locali No Slot. Anche i cittadini possono inviare candidature.

LEGALITA'

L'invito di Piero Fassino al primo cittadino: partecipi alla parata del 2 giugno a Roma.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155