SEZIONE: CULTURA, TURISMO E TRADIZIONI LOCALI

Unesco Tour firmato Regione Lombardia: dopo Cremona e Crespi D'Adda tocca a Brescia.

26 Febbraio 2015
 
Arriva a Brescia l'Unesco Tour, il nuovo progetto istituzionale organizzato da Regione Lombardia, dall’assessore alle Culture, Identità e Autonomie Cristina Cappellini e sostenuto dal Presidente Roberto Maroni, per valorizzare i nove siti Unesco presenti nella regione.
Dopo la prima tappa, che ha avuto come protagonista il "saper fare liutario" di Cremona e quella al villaggio operaio di Crespi d'Adda, in provincia di Bergamo, Brescia si è raccontata attraverso le riprese che il Centro sperimentale di cinematografia - Lombardia, diretto da Bartolomeo Corsini, sta realizzando sul territorio per la creazione di un video promozione dei siti Unesco. La Chiesa San Salvatore, all'interno del complesso museale di Santa Giulia, e l'area archeologica del Capitolium sono alcuni dei siti protagonisti del video.
A fare da testimonial, il cantante Omar Pedrini.

La Lombardia è la regione italiana con più alta concentrazione di siti riconosciuti dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità, con 9 siti sui 50 presenti complessivamente in Italia.
La varietà del patrimonio culturale regionale spazia dal Cenacolo Vinciano, a Crespi D'Adda, da Monte San Giorgio a Sacro Monte, dalle Palafitte di Varese all'Arte Rupestre Camuna, dalla Ferrovia del Bernina a Mantova e Sabbioneta, sino a Castelseprio. Ma tra "sciatteria" - sono parole del rettore dello Iulm Giovanni Puglisi, presidente della Commissione Italiana per Unesco - e stato di abbandono, la maggior parte di questi è sconosciuta agli stessi residenti dei comuni che li ospitano e versa in uno stato decisamente insufficiente in tema di conservazione e valorizzazione.
Tra le situazioni più compromesse, quella di Crespi D'Adda, villaggio industriale di Capriate San Gervasio (Bg). Poco segnalato, non è visitabile nelle parti principali e i tour guidati, organizzabili solo su prenotazione, fanno riferimento a un ufficio spesso chiuso.
Disastroso lo stato in cui versano le Palafitte di Varese: il sito non è segnalato e chiuso per la maggior parte del tempo. Visitarlo è possibile solo in estate, non ci sono servizi, nè la possibilità di fare un tour individuale.
Male anche Monte San Giorgio: situato tra Varese e la Svizzera, è ben segnalato oltre confine, ma poco in Italia. Orari di apertura ridotti, visite guidate solo in italiano e scarsa valorizzazione, fanno il resto.
Non c'è da stupirsi che secondo un sondaggio del 2012 gli abitanti di Varese considerassero le incisioni rupestri in ValCamonica il sito Unesco a loro più vicino.

Leggi anche...
cultura

fino al 15 settembre è possibile presentare le candidature

Cultura

Da Regione Lombardia 456mila euro per questi importanti presidi culturali del territorio

Eventi

Dal 27 al 29 incontri su rigenerazione urbana, valorizzazione del patrimonio culturale, nel segno dell'innovazione sociale

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155