SEZIONE: ISTITUZIONI, ASSOCIAZIONISMO E RIFORME
da ANCI LOMBARDIA
ENTI LOCALI

Fassino: prima legge di stabilità senza tagli ai Comuni

3 Novembre 2015
 

E' un giudizio complessivamente positivo quello espresso dal presidente di ANCI, Piero Fassino, al termine dell’audizione davanti alle commissioni congiunte di Camera e Senato che hanno ascoltato per conto dei Comuni, il sindaco di Torino sulla Legge di stabilità. "Si tratta della prima legge di stabilità, dal 2007 ad oggi, che non comporta tagli di risorse ai Comuni. Inoltre – ha aggiunto Fassino accompagnato dal segretario generale dell’associazione Veronica Nicotra – è stata accolta la richiesta degli enti locali di sbloccare il patto di stabilità interno”.

 

Bene il via alla Tasi, ma con un ristoro di risorse
Tra gli aspetti positivi della legge di bilancio, Fassino ha poi citato la decisione del governo di superare la Tasi sulla prima casa, “su cui siamo d'accordo visto che non siamo il partito delle tasse, su cui però deve esserci un ristoro di risorse, che è garantito dalla legge di stabilità". Giudizio positivo anche “sull’'impianto espansivo della legge di stabilità, volto a ridurre la pressione fiscale su famiglie e imprese, a far aumentare gli investimenti e i fondi di carattere sociale”.
Nel corso dell’audizione il presidente Anci ha quindi consegnato un documento con tutte le questioni ancora irrisolte su cui Anci ha chiesto al governo di intervenire. Partendo da un riassetto complessivo del fisco locale, per permettere ai sindaci di lavorare ai bilanci con regole chiare e definitive, il presidente Fassino ha auspicato l’avvio di un confronto per arrivare nel 2017 ad una completa autonomia impositiva. Sullo sfondo le altre criticità che Anci da tempo chiede vengano risolte: dal rimborso dell spese pregresse per gli uffici giudiziari, al riassetto della riscossione locale, dai tagli a Città metropolitane e vecchie Province al turn over del personale, fino alle gestioni associate e al raccordo dei principi dell’armonizzazione contabile con i vincoli di finanza pubblica.

Leggi anche...
Fusioni

Il quotidiano Avvenire dedica una puntata del suo reportage sui piccoli Comuni al Comune di Tremezzina

Le Sezioni riunite di controllo della Corte dei conti nella delibera 20/2011, diffusa il 14 aprile, hanno chiarito che i Comuni italiani che contano meno di 5mila abitanti possono sottoscrivere contratti di collaborazione coordinata o a progetto liberamente, a prescindere dal turn over.

Con la prossima tornata elettorale cambiano alcune regole, a cominciare dalla composizione di giunte e consigli comunali.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155