SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE - SICUREZZA E LEGALITA'
IMMIGRAZIONE

Monza e Brianza fanno buona scuola di accoglienza

29 Novembre 2015
 

Quasi un migliaio di persone, smistate prima negli hub di Monza e Agrate, poi nelle strutture di Limbiate, Carnate e Lissone e infine in 85 appartamenti in 35 paesi diversi dell'alta e bassa Brianza. Un modello che funziona e che - come raccontato da Il Corriere della Sera del 28/11/2015 - fa scuola anche nel resto della Lombardia.

Alla base di questo nuovo approccio gestionale all'emergenza immigrazione, voluto da Comuni, Prefettura, enti, cooperative sociali e associazioni, c'è un'accoglienza fatta di tanti piccoli insediamenti. "Si crea meno allarme sociale e si favorisce l'incontro a tu per tu, con opportunità di inserimento e scambio", spiega Roberto D'Alessio, presidente del Raggruppamento Temporaneo d'Impresa Bonvena. "Un modello più lento e costoso, ma che dà frutti concreti". Certo, da più parti è unanime il richiamo alla presenza, sempre più rilevante, della società civile: "In vari Comuni sono già attivi progetti per coinvolgere i richiedenti e le comunità con corsi, percorsi professionali, volontariato".

 

Quasi mille migranti, da 20 nazioni diverse

I richiedenti asilo, nella Provincia di Monza e Brianza, sono 907: di questi 680 sono accolti dalla RTT Bonvena, 152 dalla Croce Rossa Italiana, gli altri da quattro operatori diversi. Arrivano da oltre 20 nazioni diverse.
 

(VV)

Leggi anche...
LAVORI PUBBLICI

Quattro Comuni uniti nelle gare d’appalto e acquisti. Previsti risparmi e maggiore efficienza.

STUDI

Le amministrazioni locali devono imparare a comunicare con efficacia nel post emergenza.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155