SEZIONE: FINANZA E TRIBUTI
PAGAMENTI

Ecobonus e ristrutturazioni, bonifici in banca e posta

2 Marzo 2017
 

I bonifici effettuati tramite conti aperti presso “Istituti di pagamento” sono validi ai fini delle detrazioni per le spese di recupero del patrimonio edilizio o di riqualificazione energetica, così come quelli disposti attraverso banche e Poste.
Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione 9/E, specificando che il requisito del pagamento tramite bonifico bancario o postale, necessario per l’accesso alle due agevolazioni, è rispettato anche quando il pagamento è emesso da conti accesi presso gli istituti di pagamento introdotti dal Dlgs 11/2010, vale a dire i soggetti diversi dalle banche autorizzati dalla Banca d’Italia a prestare sul mercato servizi come la gestione di un conto, l’esecuzione di pagamenti tramite bonifico, l’emissione e ricarica di carte di pagamento e money transfer. Analogamente, nel caso in cui il destinatario del bonifico con il riferimento all’agevolazione fiscale sia un cliente dell’istituto, affinché la detrazione sia valida occorre che siano assolti gli stessi adempimenti previsti a carico di banche e Poste italiane.

 

La procedura da seguire
L’istituto di pagamento dovrà versare le ritenute, certificare al beneficiario l’ammontare delle somme e delleritenute effettuate e indicarle nella dichiarazione dei sostituti d’imposta insieme ai dati identificativi del destinatario del bonifico.
A ciò si aggiunge l’obbligo di trasmettere in via telematica all’Amministrazione finanziaria i dati relativi al mittente, ai beneficiari della detrazione e ai destinatari dei pagamenti.

 

L'obbligo per l'istituto di aderire alla rete interbancaria
Per consentire ai contribuenti che hanno ordinato il bonifico di fruire della detrazione è necessario che l’Istituto di pagamento abbia aderito alla Rete nazionale interbancaria e utilizzi la procedura “Trif”, funzionale sia alla trasmissione telematica dei flussi di informazioni tra gli operatori del sistema dei pagamenti per l’applicazione della ritenuta, sia alla trasmissione all’Amministrazione finanziaria dei dati relativi ai bonifici disposti.

 

(VV)

Leggi anche...
Pubblico incanto

Alle prese con le ristrettezze delle casse comunali, Solferino ha deciso di mettere all’asta una strada

LAVORO

Devono riservare una quota di affidamenti (5%) alle cooperative sociali per il patto di stabilità.

Sono invitati a partecipare i tecnici e gli amministratori dei comuni lombardi interessati al tema in questione

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155