SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE

Un fondo di 400 milioni di euro per i Comuni

22 Settembre 2014
 
I Comuni lombardi e veneti che confinano con la regione Trentino Alto-Adige avranno a disposizione circa 400 milioni di euro, 80 milioni l’anno, ripartiti in due parti. Una prima, destinata ai progetti presentati direttamente dagli Enti locali: ogni Comune avrà a disposizione ogni anno 500.000 euro per proprie progettualità, anche a carattere pluriennale. Una seconda, per un ammontare complessivo di circa 55 milioni annui, su interventi a valenza sovraregionale di natura strategica, che comunque devono essere localizzati nei Comuni confinanti della Lombardia e del Veneto. Per la prima applicazione di questo fondo dovranno essere ripartiti ben 160 milioni di euro, frutto delle annualità 2013 e 2014.
Lo ha annunciato il sottosegretario di Regione Lombardia alle Politiche per la Montagna Ugo Parolo in riferimento alla sottoscrizione, il 19 settembre scorso, a Roma, dell'intesa tra il Governo, le Regioni Lombardia e Veneto e le Province autonome di Trento e di Bolzano per il cosiddetto Fondo Comuni confinanti, al termine di un iter coordinato, per Regione Lombardia, dallo stesso sottosegretario. “L'accordo, in attuazione a quanto previsto dalla Legge di stabilità per il 2014” ha precistato il sottosegretario Parolo, “consente infatti una nuova modalità di gestione dei fondi messi a disposizione dalle Province autonome di Trento e di Bolzano per il ristorno ai territori delle regioni con esse confinanti, a seguito della soppressione dell'Organismo di Indirizzo, struttura che era in capo al Ministero dell'Economia”.
I fondi a disposizione saranno gestiti da un comitato paritetico composto dai firmatari dell'intesa e dalle Province riconosciute dal Governo come interamente montane. Parteciperanno inoltre ai lavori del comitato anche 3 rappresentanti eletti dai sindaci dei Comuni di confine, riconoscimento di un ruolo importante degli Enti locali nel processo di costruzione del bando e del riparto.
La sottoscrizione dell’intesa ha un’immediata ricaduta per i Comuni lombardi e veneti poiché vengono definitivamente sbloccate le graduatorie 2010/11/12, affidandone alle Province autonome la liquidazione ai soggetti beneficiari: con questa norma i Comuni delle due regioni si vedranno finalmente trasferite le risorse, in totale 240 milioni di euro, attualmente bloccate dalla mancanza di un organismo che potesse erogarle.
L’intesa prevede infine il versamento delle risorse agli Enti locali beneficiari in base alla valutazione degli effettivi fabbisogni di cassa, in maniera da neutralizzare i vincoli del Patto di stabilità. “Si tratta di una vittoria importante” ha sottolineato Parolo, “poiché questo meccanismo consentirà agli Enti locali di recuperare importanti risorse oggi sottoposte al vincolo del Patto di stabilità, che potranno invece finalmente essere messe a disposizione delle necessità delle comunità”.

Leggi anche...
Rigenerazione urbana

Una piattaforma digitale sarà presto operativa in Puglia per finanziare progetti di rigenerazione urbana

Gli studenti dell’ex scuola geometri hanno progettato l’edificio che sorgerà a Somma Lombardo al posto dell’immobile sequestrato alla mafia e tornato al Comune e ai cittadini.

OPPORTUNITA'

Quattro le linee a medio e lungo termine, dall'efficientamento energetico al recupero architettonico.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155