SEZIONE: ISTITUZIONI, ASSOCIAZIONISMO E RIFORME

Il Difensore regionale per tutto il territorio della Lombardia

18 Settembre 2014
 
Dal 2010 il Difensore regionale dà la possibilità ai cittadini, enti o organizzazioni, attraverso il sito web www.difensorecivico.lombardia.it, di inoltrare richieste di intervento direttamente on line. Attraverso la registrazione è anche possibile consultare i documenti della pratica in tempo reale, interagire con il funzionario che se ne occupa e allegare documentazione integrativa. Ma per chi non ha la possibilità di accedere a internet? Grazie ad una sezione dedicata sul sito i cittadini sprovvisti di strumenti informatici possono comunque presentare richieste di intervento on line. Come? Recandosi presso un Centro di raccolta accreditato dall’Ufficio del Difensore regionale (S.Te.R., U.P.T., U.R.P. ecc.): lì verranno assistiti dal personale del Centro. E anche in questo caso, con la mediazione del Centro, potranno visualizzare lo stato in cui si trova la propria pratica (e se si registrano anche i contenuti), inviare comunicazioni al funzionario che la sta istruendo ed integrare la documentazione. In ogni caso sia il cittadino che abbia già delle pratiche in corso sia quello che si è rivolto a un Centro di raccolta possono sempre registrarsi in qualsiasi momento e avvalersi di tutti i servizi on line. Oltre al sito web, nell’ottica di un sempre maggiore avvicinamento agli interessi dei cittadini lombardi, dalla fine dell’anno scorso è stata aperta una pagina Facebook dedicata alle attività del Difensore regionale. Il Difensore regionale è sempre intervenuto (e continuerà a farlo) nei confronti delle amministrazioni locali prive di difesa civica per il principio della leale collaborazione tra enti, ma può anche stipulare convenzioni a titolo gratuito con i Comuni che lo richiedono, per assicurare a tutti i cittadini il diritto di usufruire pienamente dei servizi della difesa civica. Grazie alla connessione on line all’ufficio attraverso il sito internet, i Comuni che si convenzionano costituiscono una sorta di avamposto locale del Difensore regionale, che nello specifico caso svolge anche le funzioni di difensore civico comunale, con le competenze e le modalità operative che gli sono attribuite dalla legge regionale 18/2010. Il primi due Comuni lombardi che hanno colto questa opportunità sono Martinengo, in provincia di Bergamo, e Broni, in provincia di Pavia, ma è auspicabile che altri Comuni lombardi, magari leggendo queste righe, desiderino farlo.
Leggi anche...

Ecco la voce della giovane sindaco di Asso sui numerosi impegni che comporta l'amministrare un comune di montagna

ACCORDO

Messi a disposizione dalla Regione 24 milioni di euro. Buono il feedback dei primi comuni capoluogo.

Alla vigilia dell'Assemblea Nazionale, a Milano un confronto tra sindaci sui temi caldi: legge di stabilità, libertà decisionale, indipendenza fiscale. E un appello: "Non dimentichiamo il valore della nostra Associazione".

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2023 - P.Iva 12790690155