SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE

Il comune illuminato con l’energia pulita

11 Marzo 2008
 
Il Comune di Orino ha siglato un accordo con MPE Energia, fornitore di energia “ecologica” che consentirà all’amministrazione comunale di utilizzare energia “verde” per l’illuminazione pubblica e per il funzionamento dell’acquedotto e verrà inoltre erogata a tutti gli uffici comunali compresa la Proloco alimentata dalla rete elettrica comunale, come anche l’ex asilo oggi adibito a biblioteca comunale e il centro anziani. «Il Comune di Orino consuma circa 25.000 euro l'anno di energia elettrica – spiega Dario Clivio, primo cittadino - . Da questa scelta contiamo di avere anche un risparmio economico ma la cosa più importante per noi a Orino è muoverci sulla strada della qualità della vita. Questa strada è l'unica su cui potremo pensare di costruire per tutti noi un futuro sostenibile, sarebbe quindi assurdo pensare ch'essa finisca appena dopo la soglia della nostra porta». «Il completo passaggio all'uso di energia pulita si completerà nell'arco di due o tre mesi – conclude il sindaco - . In estate i consumi idrici richiederanno il pompaggio di notevoli quantità d'acqua e un grande dispendio di energia. A mio modo di vedere anche per questa scelta l'acqua di Orino sarà più pulita. Essere scelti dai cittadini per amministrare la cosa pubblica, a mio parere, significa anche concretizzare principi politici che si crede essere giusti: non significa dire ai cittadini quel che loro s'aspettano di sentire bensì dare ai cittadini quel che loro s'aspettano di ricevere».
Leggi anche...
Bandi

Un bando del Ministero dei beni culturali per riqualificare le periferie attraverso la IA

BUONE PRATICHE

Dalla Calabria al Piemonte, i Comuni italiani sono in prima linea nell'accoglienza diffusa dei migranti.

Smart City

Una mostra a Milano illustra l’evoluzione della città europea attraverso la riqualificazione di aree

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155