SEZIONE: FINANZA E TRIBUTI
Finanza locale

Manovra 2019: le valutazioni - non positive - di Anci e Ifel

2 Gennaio 2019
 

"La valutazione complessiva dei Comuni sulla legge di bilancio non può essere positiva, nonostante vi siano misure favorevoli e significative su alcuni versanti. Dopo alcuni anni di assenza di tagli alle risorse comunali, rammarica fortemente che si torni al passato con tagli diretti che sembrano riguardare solo i Comuni". Partono da qui le valutazioni di Anci Fondazione Ifel sulla Legge di Stabilità 2019 (qui i testi dal sito della Camera) riportate nella nota di lettura che pubblichiamo in questa pagina.

Gli aspetti positivi
L'analisi Anci - Ifel non tralascia di considerare le positività portate dalla manovra, soprattutto in merito ai "miglioramenti sul versante della capacità di spesa per investimenti (abolizione vincoli finanziari e contributi)", che però "non compensano l’ulteriore stretta di parte corrente che i Comuni dovranno fronteggiare per il 2019, dopo aver contribuito in modo straordinario e sproporzionato al risanamento dei conti pubblici nel recente passato".

Dove nasce lo scontento
Per l'Associazione dei Comuni "la restituzione di agibilità alla leva fiscale territoriale è solo un normale ritorno alla normalità ordinamentale e costituzionale, a quella autonomia di entrata e di spesa assegnata dall’articolo 119 della Costituzione", mentre preoccupa "la grave stretta operata sulla spesa corrente", derivante "da un concorso di misure e previsioni negative".
La nota Anci-Ifel, alla luce della dettagliata analisi della norma, evidenzia come "la legge di bilancio è sostanzialmente iniqua e introduce a sfavore dei Comuni una disparità di trattamento rispetto agli altri livelli di governo: prevede nuovi tagli e non restituisce le risorse sottratte da norme i cui effetti sono conclusi, come invece dovrebbe e come è accaduto per altri comparti oggetto delle stesse norme. Sembra venir meno un principio di eguaglianza istituzionale, con eventuali profili di illegittimità costituzionale".

Le richieste dei Comuni
Di fronte a queste considerazioni "l'Anci chiede un provvedimento urgente finalizzato a evitare contenziosi e ad assicurare maggiori spazi di manovra limitando al minimo le insostenibili riduzioni di risorse di parte corrente, fondamentali per assicurare il ruolo dei Comuni nella ripresa economica e nella gestione dei servizi locali". (LS)

Leggi anche...

Per consentire il monitoraggio dei conti pubblici e verificarne la rispondenza con le norme Ue, è stato pubblicato il Decreto che stabilisce i codici gestionali da indicare sui titoli di entrata e di spesa

Per il 2015 superato un plafond di 170 milioni di euro destinato alle Province, alla Città Metropolitana di Milano e ai Comuni.

A partire dal 1 gennaio 2013, il Ministero dell’Economia e Finanze, d'intesa con il Ministero della Giustizia – con l’apporto dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato – metterà a disposizione gratuitamente la Gazzetta Ufficiale telematica nel formato autentico dato alle stampe

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155