SEZIONE: TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
Ambiente

Come informatizzare la raccolta rifiuti

23 Ottobre 2017
 

La Comunità Montana di Valle Sabbia (in provincia di Brescia), in vista della scadenza dell’attuale contratto con il gestore del servizio di igiene urbana, ha deciso di internalizzare il servizio facendo gestire la raccolta dei rifiuti alla propria società in modo da ottimizzare i costi e poter meglio gestire le proprie risorse.
 

Il territorio della valle sabbia si estende per una superficie di circa 600 Km2 con un bacino di utenza di circa 70.000 abitanti ed costellato di numerosi centri abitati in zone “remote” e “rurali”. Inviare quotidianamente mezzi per il ritiro di bidoni può essere costoso sia dal punto di vista economico che dei tempi. 
E’ risultato pertanto fondamentale prendere in considerazione una tipologia di servizio innovativa rispetto a quanto finora presente sul mercato. Un servizio di raccolta effettuato agli utenti che abbiano preventivamente prenotato il ritiro del proprio rifiuto destinato soprattutto alle utenze domestiche e non domestiche situate in zone a bassa densità abitativa e poste ad una notevole distanza dal centro abitato.

La prenotazione al servizio deve risultare il più semplice possibile. Per questo motivo abbiamo “abbandonato” i classici metodi di prenotazione che consistevano nell’invio di un sms o nell’avvio di una chiamata. Nell’ipotesi ogni utenza sarà dotata di un “kit” o di un dispositivo che consenta, semplicemente premendo un pulsante, di inviare una prenotazione georeferenziata del ritiro del proprio rifiuto.

In questo modo, una volta raccolte tutte le prenotazioni di ritiro, ciascun autista riceverà ogni mattina il “piano di raccolta” per la giornata caricato in automatico sul sistema di navigazione a bordo del mezzo. Il sistema quindi permetterà di visualizzare dalla sede centrale la posizione attuale dei veicoli che stanno effettuando gli svuotamenti e con simboli idonei visualizzare i punti di svuotamento programmati e quelli già effettuati. Sui contenitori, inoltre, sarà presente un transponder RFID in modo tale che si potrà ottenere la misurazione di quanto conferito per ogni singola utenza.
 

Questo consente di ottimizzare la gestione delle priorità attraverso la verifica del tempo di attesa della prenotazione, di definire carichi gestionali, di costo e di resa per ogni turno operativo, nonché di elaborare statistiche di raccolta per: giorno, area, tipologia di rifiuto, quantità per affinare il servizio di raccolta riducendo i costi di esercizio.
Tali dati saranno quindi a disposizione anche dei cittadini in un apposito portale web. (Un grazie a Luca Belli di Secoval che ha fornito le informazioni sul progetto)

(SM)

 

Leggi anche...
Formazione

Evento in programma mercoledì 16 novembre dalle 12.00 alle 13.30

Una nota dell’AgID avverte della proroga e stabilisce che dal 2 ottobre la procedura di comunicazione non sarà più in linea.

AGENDA URBANA EUROPEA

Siglato un patto che pone al centro le città per dare risposta a sfide sociali, economiche, ambientali.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2024 - P.Iva 12790690155