6/9/2016

Scanagatti: "Da Anci Lombardia azioni per la continuità operativa delle Comunità"

 

“In questi giorni Anci Lombardia si è attivata per aiutare le comunità colpite dal terremoto nel centro Italia con concrete azioni di aiuto. Innanzitutto ci siamo impegnati a garantire la continuità dell’attività amministrativa del Comune di Accumoli attraverso una collaborazione con i Comuni della Provincia di Monza e della Brianza, pertanto nei prossimi giorni sarà inviato sul posto il personale per il supporto tecnico e amministrativo. Inoltre il sistema Anci Lombardia devolverà in totale 9400 euro al fondo per la ricostruzione: 5 mila euro da parte dell’Associazione, a cui si aggiungono 2 mila euro messi a disposizione da Anci Lab, 1200 euro da parte dei dipendenti e 1200 euro dalla donazione del gettone di presenza dei partecipanti alla riunione del consiglio direttivo del 5 settembre”. Queste le parole del Presidente di Anci Lombardia, Roberto Scanagatti, durante l’incontro con la stampa del 5 settembre nella sede dell’Associazione.

Scanagatti ha inoltre precisato che “l’emergenza terremoto richiede interventi e risorse non solo destinati alla ricostruzione ma volti a garantire la continuità della vita nelle comunità colpite dal sisma. Per questo i Comuni lombardi, dal 24 agosto, si sono impegnati a mettere a disposizione proprio personale, materiali e risorse, che devono essere impiegati evitando la concentrazione degli interventi in poche zone, ma ottimizzandoli a seconda delle priorità. Anci Lombardia, anche su sollecitazione dei Comuni associati, si propone quindi come soggetto in grado di attuare una cabina di regia che, interfacciandosi con la centrale operativa sul luogo del sisma, sia in grado di distribuire gli interventi localmente, affinché la cooperazione tra Enti locali dia frutto e porti al miglior risultato possibile”.

Scanagatti ha ricordato come, “all’indomani del sisma, abbiamo subito attivato un collegamento diretto con il responsabile Anci presente nella cabina di regia del Dipartimento di protezione civile, e da allora abbiamo fornito continue comunicazioni ai Sindaci con aggiornamenti sulle attività coordinate sul campo da Anci, sulle richieste specifiche avanzate e sulle proposte di sostegno provenienti dai territori. A questo proposito è prevista, per mercoledì 7 settembre, una visita alla Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C.) di Rieti”.

La macchina messa in moto da Anci Lombardia ha invitato i Comuni a far convogliare la raccolta fondi su un unico conto corrente bancario (IBAN IT27A0623003202000056748129), inoltre è stato richiesto agli Enti di comunicare la disponibilità di personale tecnico e amministrativo da inviare sul luogo della calamità, inviando bozze di delibere con gli inquadramenti tecnici e giuridici necessari al distacco autorizzato dei propri dipendenti volontari. In accordo con la Regione Lombardia è stata inoltre avviata la verifica della disponibilità del personale di polizia locale da distaccare.

Il Presidente di Anci Lombardia ha sottolineato infine come “ci è sembrato importante riportare l’attenzione dei Comuni sulla prevenzione e la sicurezza. Abbiamo quindi invitato i Sindaci a convocare una seduta del consiglio comunale per discutere di protezione civile, di resilienza e di attività di prevenzione, consigliando di destinare i gettoni di presenza delle sedute ai progetti di sostegno dei Comuni colpiti. Ma, soprattutto, abbiamo ricordato l’importanza del convegno che, fin da prima del verificarsi della calamità naturale, abbiamo organizzato in collaborazione con Regione Lombardia in materia di vigilanza sismica nelle diverse zone lombarde e che si terrà il prossimo 13 settembre”.

MULTIMEDIA
Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2022 - P.Iva 12790690155