1/5/2016

Asili nido gratis per le famiglie lombarde in difficoltà

 

L'assessorato regionale al reddito di autonomia e all'inclusione sociale presenta la misura "Nidi gratis" e per la sua attuazione chiede la collaborazione di Anci Lombardia.
L'amministrazione regionale ha approvato infatti la misura che destina fondi alle famiglie in difficoltà e con bambini che frequentano gli asili al fine di azzerare la quota da loro pagata per iscrivere i figli agli istituti.
Destinatari del contributo sono quei coniugi, entrambe lavoratori, di cui almeno uno residente da più di 5 anni in Lombardia, con un reddito Isee inferiore ai 20 mila euro annui.
Giulio Gallera, Assessore al reddito di autonomia e all'inclusione sociale, presentando il progetto ha dichiarato che "Regione Lombardia dimostra ancora una volta di essere concretamente vicino alle famiglie lombarde e in particolare a quelle vulnerabili. Lo fa rilanciando le misure del Reddito di autonomia, dandogli anche una certa sistematicità".

L'azione di Anci Lombardia
Come anticipato, per l'attuazione di questa misura la Regione ha siglato un accordo con Anci Lombardia, per monitorare la situazione e, soprattutto, per la gestione delle pratiche connesse alla gestione della misura.
Roberto Scanagatti, Presidente dell'Associazione dei Comuni, alla firma del protocollo ha dichiarato che la "misura va incontro alle esigenze delle famiglie che più soffrono e sulle quali gli enti locali hanno svolto una forte azione di supporto anche in una fase difficile come questa", poichè "se gli investimenti in conto capitale sono diminuiti di più del 50% negli ultimi anni, non sono altrettanto diminuite le spese per i servizi sociali".

Gli asili nido e i Comuni
L'operato dei Comuni sul fronte asili nido è assai significativo, poichè, come ha evidenziato Gallera, "fino a oggi, chi ha colto il bisogno delle famiglie offrendo il servizio sono stati i Comuni e, grazie a questo sforzo, in Lombardia possiamo contare su di una rete capillare di strutture che non ha pari in tutto il resto d'Italia", capace di offrire un totale di "61 mila posti negli asili nido pubblici, convenzionati o privati, di cui 25 mila comunali o convenzionati"
Alla luce di questi fattori, Scanagatti ha dichiarato che "le misure previste da Regione vanno dunque nel senso di colmare lo sforzo dei Comuni, per i quali, apparentemente, non sembra cambiare molto, perché introietteranno le stesse quote di rette introiettate fino a oggi, ma potrà essere maggiore il numero dei bambini ospitati negli asili di proprietà comunale o in convenzione". (LS)

MULTIMEDIA

Asili a costo zero - Protocollo Anci Lombardia e Regione

L'Associazione dei Comuni impegnata per l'organizzazione e il monitoraggio dell'iniziativa regionale

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2020 - P.Iva 12790690155