SEZIONE: WELFARE E POLITICHE GIOVANILI
WELFARE

Lo sport come integrazione e inclusione sociale dei rifugiati

22 Agosto 2017
 

La Commissione Europea ha lanciato un invito a presentare proposte sul tema "Lo sport come strumento d'integrazione e inclusione sociale dei rifugiati". L'invito contribuisce all'attuazione del programma di lavoro annuale 2017 conformemente alla decisione C(2017) 3847 della Commissione, del 9-6-2017, relativa all'adozione del programma di lavoro annuale 2017 per l'attuazione dei progetti pilota.
Considerando il crescente numero di rifugiati che intendono stabilirsi nell'Unione europea, esiste una chiara necessità d'iniziative di integrazione e inclusione sociale efficaci. Il presente progetto pilota rappresenta un contributo a questo sforzo e a una migliore integrazione dei rifugiati attraverso lo sport.

1. Obiettivi
L'attuale call for proposals mira a sostenere progetti sportivi locali incentrati sull'integrazione dei rifugiati. È prevista la selezione di circa 20 progetti che dovrebbero coinvolgere organizzazioni sportive locali e tener conto della parità di genere rivolgendosi in particolare alle donne rifugiate per proporre loro attività sportive.
Un'importante dimensione di questo progetto sarà la partecipazione dei club sportivi locali all'integrazione dei rifugiati sfruttando le competenze esistenti negli Stati membri dell'UE.
 


2. Criteri di ammissibilità
Sono ammissibili solo i progetti presentati da richiedenti che soddisfano i seguenti criteri: essere un organismo pubblico o privato dotato di personalità giuridica che opera nel settore dello sport e organizzare attività sportive. Le persone fisiche non possono presentare domanda di sovvenzione nell'ambito del presente invito; avere la propria sede sociale in uno dei 28 Stati membri dell'UE.


3. Attività ammissibili
Le attività ammissibili devono disporre di una comprovata metodologia per garantire l'equilibrio di genere e prevedere un'equilibrata partecipazione di uomini e donne in ogni attività proposta.
Elenco non esaustivo delle principali attività ammissibili: 
• attività sportive volte a promuovere la partecipazione dei rifugiati, organizzate nel
rispetto dell'equilibrio di genere e volte a coinvolgere le popolazioni locali;
• sviluppo, individuazione, promozione e condivisione di attività e buone pratiche
riguardanti la partecipazione dei rifugiati all'attività sportiva, con il chiaro obiettivo
dell'integrazione nelle società di accoglienza; 
• attività di sensibilizzazione in merito al dimostrato valore aggiunto pratico dello sport
rispetto all'integrazione dei rifugiati nelle società, tenendo debitamente conto della parità di
genere;
• elaborazione, sviluppo e applicazione di moduli e strumenti di formazione e istruzione;
• azione divulgativa nel settore dello sport;
• messa in rete di progetti nel settore dello sport.

Tali attività devono svolgersi negli Stati membri dell'UE.


Periodo di esecuzione e bilancio disponibile
- Le attività non possono iniziare prima dell'1.1.2018
- Le attività devono essere completate entro il 31.12.2018
I fondi totali riservati al cofinanziamento dei progetti ammontano secondo le stime a 1.000.000 di EUR. La sovvenzione massima sarà di 60.000 EUR.


Invio delle candidature
Le candidature devono essere redatte in una delle lingue ufficiali dell'UE, utilizzando l'apposito modulo disponibile al seguente indirizzo: http://ec.europa.eu/sport/calls/index_en.htm 

Leggi anche...
WELFARE

Tre milioni per le organizzazioni di volontariato che realizzano progetti per coinvolgere cittadini e stakeholder

Welfare

Dal scorso 23 ottobre al 1 dicembre è aperta la seconda finestra per l'invio delle domande

MOSTRA FOTOGRAFICA

I Comuni possono ospitare i 30 pannelli fotografici, che sono stati resi itineranti.

TIM

KIT Scuola Digitale. Le soluzioni di TIM Impresa Semplice per connettere la scuola al futuro.

TIM e' il riferimento affidabile per accompagnare la scuola nel futuro della "didattica digitale", attraverso soluzioni tecnologiche, innovative, facili e sicure.

Gi Group

Lavoro flessibile per le pubbliche amministrazioni

Gi Group è la prima multinazionale italiana del lavoro, nonché una delle principali realtà, a livello mondiale, nei servizi dedicati allo sviluppo del mercato del lavoro.

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2017 - P.Iva 12790690155