SEZIONE: TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
SVILUPPO

Smart City, i sei punti per renderle più efficaci

14 Settembre 2017
 

La ricerca di Cisco e Digital Transformation Institute “Smart city, quali impatti sulle città del futuro?” ha identificato le sei dimensioni chiave che rappresentano gli elementi critici nello sviluppo di un processo di “smart city” efficace. Queste dimensioni sono:


Vision e smart city: la città  intelligente
Per attivare un progetto smart city è essenziale avere ben chiaro qual è il modello di città intelligente, quali sono gli elementi in grado di trasformare la comunità attraverso il digitale. Un modello che sia sostenibile economicamente, attivando collaborazioni fra pubblico, privato e società civile, ma anche sostenibile dal punto di vista sociale e culturale, perché basato sul dialogo con le esigenze dei cittadini. A tutto questo si aggiungono la creatività e l’innovazione del capitale umano, con amministratori informati e cittadini attivi, che condividono una visione comune delle opportunità che si possono creare con la tecnologia.


La dimensione organizzativa: leadership, visione, strategie, network, partecipazione
Questo aspetto è composto da molti fattori.  La capacità di coinvolgere il territorio, l’ascolto e la gestione delle esigenze, la pianificazione degli interventi da compiere, con un’attenta analisi dell’impatto sulla vita delle persone, sui loro diritti, sugli spazi della città.  La creazione di strategie di comunicazione per sostenere il programma nel tempo,  la scelta di criteri per misurare in modo oggettivo i risultati.  Si tratta di creare una rete partecipativa che condivida visioni e strategie con un modello di governance che tenga conto di tutte le competenze necessarie al progetto, a tutti i livelli.

 

La dimensione economica: interazione ed integrazione degli investimenti pubblici e privati
Una città che voglia crescere e avviare progetti maturi in ambito smart city deve avere un budget dedicato alle iniziative per l’innovazione, anche se limitato: la sua esistenza è determinante come indicatore di una scelta culturale. Un altro fattore da considerare è la capacità di integrare e fare interagire investimenti pubblici e privati: conoscere fonti di finanziamento, ripartirle correttamente, ma anche – dove la PA non possa arrivare con un investimento tradizionale –  sapere creare condizioni che abilitino concretamente i progetti e possano garantire ai privati stabilità nel lungo periodo, anche in caso di un cambio di amministrazione.

 

La dimensione sociale: la città resiliente, collaborativa, open source
Una smart city nasce da chi la abita: quanto più si adatta alla struttura della società e del territorio urbano, tanto più produce valore. E la consapevolezza dei cittadini rispetto a come la loro città funziona, a quali caratteristiche ha dal punto di vista economico e sociale, può fare la differenza nel generare dialogo e partecipazione attiva. In questo senso gioca un ruolo fondamentale la capacità di raccogliere dati e renderli accessibili e utilizzabili dai cittadini. Non basta creare piattaforme open data: queste devono essere il punto di partenza per coinvolgere in modo partecipativo, fin dalle fasi iniziali dei progetto, la comunità. Ampliare la platea di voci che trovano ascolto, attivare modelli di condivisione anche economici (pensiamo alla sharing e alla circular economy): un cambio di paradigma, che richiede anche di introdurre nuove piattaforme capaci di integrare le relazioni tra PA e cittadini.

 

La dimensione tecnologica: infrastrutture e piattaforme per la  città  digitale
Ci sono tre fattori tecnologici principali che determinano efficacia, scalabilità e successo: disporre di infrastrutture di comunicazione di rete sicure, affidabili, capillari, che permettono di accedere ai servizi digitali e di aggregare i dati; dotarsi delle infrastrutture per ospitare le applicazioni e per raccogliere, conservare, analizzare i dati; costruire piattaforme applicative, sia per una gestione centrale, sia per i singoli sistemi e servizi.

 

La dimensione comunicativa: dialogo e coinvolgimento per “la  città umana”
“Fare” una smart city non è immettere tecnologie innovative in un centro urbano: è avere l’obiettivo di rispondere in modo nuovo a domande anche esse nuove – assistenza, sicurezza, qualità della vita, partecipazione, innovazione.  Avere gli strumenti per coordinare il dialogo tra tutti gli attori coinvolti, con una mediazione culturale capace di affrontare difficoltà e chiusure, dare responsabilità alle persone, e condividere in modo chiaro e coerente fasi e obiettivi dei progetti. Anche il progetto meglio studiato si arena se non viene capito e fatto proprio, perché i cittadini a cui si rivolge non hanno consapevolezza di come usare quanto viene messo a disposizione.

Leggi anche...
L'esperto

La definizione dei tracciati standard è stata possibile anche grazie alla collaborazione degli Enti Locali

Anpr

A disposizione dei Comuni che subentreranno nel sistema 14 milioni dai fondi europei

Bandi

Un bando del Ministero dei beni culturali per riqualificare le periferie attraverso la IA

Bosch Energy and Building Solutions Italy S.r.l.

Bosch: nuova energia ai tuoi progetti

Bosch Energy and Building Solutions Italy è la Energy Service Company (ESCo) del Gruppo Bosch. Offre soluzioni energetiche integrate studiate per le specifiche esigenze: progettazione, realizzazione, gestione e finanziamento di impianti tecnologici. Un partner unico a cui affidarsi per risultati efficienti, reali e misurabili.

ROBERT BOSCH SPA

Utensili da giardinaggio professionali a batteria: le stesse prestazioni degli utensili a scoppio, con rumorosita' dimezzata.

La prima serie di utensili a batteria concepiti per le esigenze dei professionisti: Rasaerba, Decespugliatore, Soffiatore da Giardino, Tagliasiepi. Prestazioni e durata: Una batteria ad alta capacità per prestazioni di livello superiore. Carica rapida: Consente un utilizzo prolungato. Resistente alle intemperie: Per l'impiego in tutte le condizioni meteo.

Telepass

Guidare le persone nel mondo che cambia

Telepass S.p.A., società del gruppo Atlantia, è specializzata nell’emissione, commercializzazione e gestione dei sistemi di pagamento elettronico Telepass e Viacard. 

Negli ultimi anni la società ha ampliato il suo raggio di azione: al pagamento del pedaggio si aggiungono nuovi servizi, sia in ambito urbano che extraurbano, e nuovi mercati che fanno di Telepass il brand leader della mobilità. Con Telepass infatti è possibile pagare, oltre al pedaggio: la sosta nei parcheggi in struttura e sulle strisce blu, l’accesso all’Area C di Milano e il traghettamento sullo Stretto di Messina

In Europa, Telepass, offre per i mezzi pesanti il pagamento del pedaggio su 6 Paesi oltre l’Italia (Francia, Spagna, Portogallo, Belgio, Polonia e Austria) collocandosi come leader nel settore del tolling del mondo dell’autotrasporto.

I numeri di Telepass sono quelli di una grande e solida realtà capace di garantire fiducia ai suoi partner commerciali e ai suoi clienti.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2018 - P.Iva 12790690155