SEZIONE: AMBIENTE, ENERGIA - TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
INNOVAZIONE

Brescia sperimenta Qcumber, social network ambientale

12 Giugno 2017
 

Il ministero dell’Ambiente e Regione Lombardia si stanno confrontando sull’ipotesi di sottoscrivere un protocollo d’intesa per la sperimentazione di strumenti innovativi che migliorino le condizioni di sostenibilità delle comunità locali, promuovendo le migliori pratiche di e-governance, con l'impiego strumenti tecnologici inediti. Tra questi c'è la piattaforma QCumber Smart City, un social network per il monitoraggio ambientale che si basa sui feedback degli iscritti e su dati ricavati da organismi e ricerche internazionali, sviluppato dall'imprenditore bresciano Giuseppe Magro.


Il geo-social forum tiene traccia di diversi parametri, dal livello di Pm10 nell’aria, al benzene, dal rischio idro-geologico alla presenza di odori molesti. Sviluppato nel 2012, punta ora a fare un salto di qualità, tramite l’adozione a livello internazionale, cominciando dal Regno Unito, dove è già stato sperimentato dalle amministrazioni comunali di città come Cambridge e Birmingham. In previsione c'è anche il lancio di un’applicazione per smartphone che potrebbe rappresentare un punto di svolta, dando la possibilità a chiunque di effettuare segnalazioni in mobilità e di controllare al volo lo “score” ambientale di un dato territorio. “Tutti guardano sul telefonino le previsioni del meteo, pochi quelle dello smog”, osserva Magro.

 

QCumber gratuito e ben leggibile
La registrazione a QCumber è gratuita e, una volta effettuato l’accesso, chiunque può segnalare pregi e difetti di un territorio dal punto di vista ambientale. I post vengono geo-taggati con latitudine e longitudine, collocati su Google Maps, e divisi per colore: rosso per evidenziare le criticità, verde per bellezze naturali da valorizzare e proteggere, giallo per segnalare contenuti multimediali (video, articoli di giornale, immagini) sul tema.
Le segnalazioni dei cittadini vengono poi incrociate coi dati ambientali provenienti da organismi internazionali come l’Organizzazione Mondiale per la Sanità e la Iaia, (l’International Association for Impact Assessment), e con quanto riportato da altri iscritti situati nel raggio di 5 chilometri, che possono confermare o meno l’esistenza di uno specifico disagio. Le informazioni vengono poi girate ai Comuni iscritti alla piattaforma.
 

Obiettivo: l'innesco di comportamenti virtuosi
L'adozione da parte delle aziende attive sul territorio potrebbe avvenire per far vedere il miglioramento delle loro performance ambientali. Mentre nelle amministrazioni pubbliche per esempio i sindaci potrebbero sapere da dove arriva il PM10 o monitorare l'abbandono di rifiuti pericolosi nei parchi pubblici. “I Comuni – racconta Magro – possono anche decidere di coinvolgere le aziende in progetti di collaborazione volontaria per il miglioramento delle condizioni ambientali in modo non conflittuale, usando Qcumber come piattaforma di dialogo. Realtà come Calcinato, Bagnolo Mella, Montichiari, Nova Milanese, Mantova, Foggia, Prevalle hanno già intrapreso questo tipo di percorso e c’é interesse anche da parte di città più grandi come Firenze”. Per i cittadini, le informazioni messe a disposizione da Qcumber potrebbero servire per decidere dove comprare casa o dove mandare a scuola i figli. a seconda di dove sia migliore la qualità dell’aria e dell’ambiente.​ (VV)

Leggi anche...
Ambiente

Sulla statale 415 raccolti soli 80 kg di materiale, a dicembre 12000.

Ambiente

In città la raccolta differenziata ha superato la soglia dell’80%

Ambiente

Le amministrazioni riceveranno la bandiera di "Comune ciclabile"

ABB

Stazioni di ricarica per auto elettriche

Nel 2013 l'Estonia è diventato il primo paese al mondo ad adottare una rete di ricarica a livello nazionale usando una tecnologia fornita da ABB. Le stazioni di ricarica sono state installate in aree urbane con più di 5.000 abitanti.

Aqvagold

Acqua alla spina per ridurre l'impatto ambientale

Ridurre l'impatto ambientale legato all'utilizzo delle bottiglie di plastica, diminuire i costi della raccolta porta a porta, ridurre l'inquinamento legato ai trasporti, alla produzione, al mancato riciclo della plastica ed incentivare l'utilizzo dell'acqua della rete idrica comunale.

ROBERT BOSCH SPA

Utensili da giardinaggio professionali a batteria: le stesse prestazioni degli utensili a scoppio, con rumorosita' dimezzata.

La prima serie di utensili a batteria concepiti per le esigenze dei professionisti: Rasaerba, Decespugliatore, Soffiatore da Giardino, Tagliasiepi. Prestazioni e durata: Una batteria ad alta capacità per prestazioni di livello superiore. Carica rapida: Consente un utilizzo prolungato. Resistente alle intemperie: Per l'impiego in tutte le condizioni meteo.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2017 - P.Iva 12790690155