SEZIONE: FINANZA E TRIBUTI
Finanza locale

Dalle multe i proventi per la manutenzione delle infrastrutture

27 Febbraio 2020
 

Sulla Gazzetta ufficiale del 20 febbraio 2020 è stato pubblicato il Decreto ministeriale 30 dicembre 2019 Disposizioni in materia di destinazione dei proventi delle sanzioni a seguito dell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità.

Dopo quasi 8 anni si dà quindi attuazione all'art. 142, comma 12 -quater , del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285,
 

Gli enti locali potranno utilizzare i proventi derivanti da queste sanzioni per lavori di manutenzione e ammodernamento delle infrastrutture e dovranno trasmettere una relazione che ne dimostri tale utilizzo. Il comma 1 dell'articolo 1 del decreto ministeriale, infatti così recita: “gli enti locali trasmettono per via informatica al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ed al Ministero dell’interno, secondo le modalità indicate all’art. 2, entro e non oltre la data del 31 maggio di ogni anno, una relazione relativa al periodo intercorrente tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre dell’anno precedente in cui siano indicati i dati relativi ai proventi di propria spettanza, di cui agli articoli 208, comma 1, e 142, comma 12 -bis , del citato decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285”.
 

La relazione deve contenere informazioni generali, l’entità dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie e le informazioni dettagliate relative alla destinazione di proventi.

Il Decreto, inoltre, stabilisce, al comma 5, che gli enti locali debbano tenere distinti i proventi in generale da quelli derivanti da accertamenti delle violazioni dei limiti massimi di velocità. Questi ultimi devono essere suddivisi tra quelli di “intera spettanza dell’ente locale”, quelli “derivanti da attività di accertamento eseguito su strade non di proprietà dell’ente locale da cui dipende l’organo accertatore, che devono essere ripartiti in misura pari al 50% per ciascuno tra ente proprietario delle strade ed ente da cui dipende l’organo accertatore” e infine i “proventi derivanti da attività di accertamento eseguito su strade di proprietà dell’ente da parte di organi accertatori dipendenti da altri enti locali”.
 

 

In allegato al decreto è presente un modello di relazione.

(SM)

Leggi anche...
Emergenza

Il presidente Decaro lancia l’allarme e i conti purtroppo sembrano tornare

Emergenza

Una prima nota di lettura delle norme per gli enti locali del decreto n. 18 del 17 marzo 2020

Studio Cavaggioni

Studio Cavaggioni, supporto nella gestione dei servizi

Lo Studio fornisce agli Enti il supporto nella gestione operativa dei servizi, offrendo consulenza e individuando nuove opportunità di sviluppo

Kibernetes

ProgettoEnte - Area Contabile, la piattaforma per la contabilita' del Comune

Kibernetes ha sviluppato la piattaforma ProgettoEnte - Area Contabile: la soluzione integrata che comprende il Nuovo Ordinamento Contabile, l'Inventario e il Patrimonio, la Contabilità Economico-Patrimoniale e il Documento Unico di Programmazione. ProgettoEnte - Area Contabile è sviluppato nativamente sulla base del D.L. 118 ed integra tutte le novità normative, come la fatturazione elettronica e la Piattaforma di Certificazione dei Crediti.

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2020 - P.Iva 12790690155