SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE - AMBIENTE, ENERGIA
Informazione promozionale
Ideaplast

La rivoluzione green delle città e la seconda vita della plastica

8 Ottobre 2020
 

Partiamo da una domanda: che fine ha fatto il plastic free, lo slogan che negli ultimi due anni era diventato un mantra per tante aziende e amministratori locali? Con la diffusione della pandemia l’attenzione si è comprensibilmente spostata su altri problemi, e si è così interrotta la corsa alla sostituzione di bottiglie e contenitori in plastica con le ormai celebri borracce in alluminio.

 

“Plastic Free è un bellissimo slogan, ma tale rimane” dichiara Alessandro Trentini, fondatore e direttore tecnico di Idea Plast, azienda con sede a Lainate, in provincia di Milano. “Ci si è illusi di poter fare a meno della plastica, ma proprio nel corso della pandemia ci siamo accorti di quanto questo materiale sia centrale nelle nostre vite. Lo abbiamo visto in ambito sanitario, in cucina, per la nostra protezione personale….il problema non è eliminare la plastica, ma trovare piuttosto un corretto modo per conviverci, promuovendo non solo il riciclo ma anche il riutilizzo di plastica in seconda vita. Perché ancora oggi circa il 30% della plastica proveniente dalla raccolta differenziata finisce in discarica”, prosegue Trentini.

 

Idea Plast è stata fondata nel 1988 da Alessandro Trentini e nel tempo ha focalizzato la propria attività sulla progettazione e sulla produzione di manufatti realizzati interamente in plastica riciclata, come parchi gioco per bambini e complementi per l’arredo urbano. Collabora attivamente con l’Osservatorio Appalti Verdi di Legambiente, la campagna nazionale per la promozione e il monitoraggio civico del Green Public Procurement, finalizzata ad accelerare il processo di riconversione ecologica del mercato di beni e servizi.

 

Ma per essere concreti, raccontiamo una recente iniziativa che aiuta a comprendere il contributo e il supporto che Idea Plast potrebbe dare alle amministrazioni locali che vogliono orientarsi verso la sostenibilità. Lo scorso 31 luglio è stata inaugurata a Brescia la nuova area giochi del parco Alpini di Terra Bresciana, nella quale sono stati installati giochi e arredi (una casetta per bimbi con tetto e tavolo, un “veliero” dotato di scivolo e una panchina) in plastica riciclata realizzati e donati da Idea Plast alla città di Brescia, dopo che questa aveva ricevuto il premio da Legambiente per essersi distinta come Buona Pratica nell'ambito di Ecosistema Urbano 2019, con il progetto Oltre la Strada.

 

Tutti i giochi presenti nell’area sono stati realizzati secondo i criteri del riciclo circolare, una filiera produttiva che prevede la raccolta a fine vita del materiale plastico, la selezione e il lavaggio per la trasformazione in granulo, lo stampaggio di stecche in plastica seconda vita, la progettazione e la realizzazione del prodotto e l’installazione degli elementi che, quando giungono anch’essi a fine vita, vengono nuovamente immessi in questo circolo virtuoso.  Per la realizzazione di questi giochi è stata impiegata plastica riciclata “Seconda Vita”, certificata da IPPR, l’Istituto per la Promozione delle Plastiche da Riciclo. Una tipologia di materiale che possiede il grande pregio di aver bisogno di pochissima manutenzione.

 

“Auspichiamo che iniziative come questa possano diventare un esempio per aiutare sempre più amministrazioni a realizzare interventi orientati alla sostenibilità. Una possibilità che oggi per molti comuni lombardi potrebbe essere quasi a costo zero - ricorda il fondatore di Idea Plast - grazie al recente bando regionale per la realizzazione e l'adeguamento di parchi gioco inclusivi pubblici in Lombardia per l'anno 2020-2021. La città di Brescia e le sue azioni di rigenerazione urbana, grazie a iniziative come il progetto Oltre la Strada, dimostrano come sia possibile ripensare in chiave sostenibile le nostre aree urbane, migliorando allo stesso tempo le performance ambientali.”

 

Oltre la strada è un articolato progetto di recupero urbanistico del Comune di Brescia avviato a giugno 2017 che prevede una serie di interventi che interessano 40mila cittadini, una superficie di 24mila mq e prevede la messa in sicurezza delle falde acquifere e la bonifica dei terreni inquinati dalla fabbriche, l’attivazione della stazione per il nuovo treno metropolitano Brescia-Iseo, nuove opportunità residenziali, di housing sociale e di co-working, un teatro, un parco pubblico, piste ciclabili e una ciclofficina, uno skate park, una portineria di quartiere, laboratori d’arte e una biblioteca per giovani lettori. Il progetto ha un valore complessivo di oltre 50 milioni di euro, di cui 20 milioni finanziati dal bando periferie e 10 dal Comune di Brescia.

 

Le amministrazioni che volessero approfondire e chiedere maggiori informazioni, possono contattare direttamente Idea Plast chiamando lo 02 9350 8184 o scrivendo all’indirizzo mail info@ideaplast.com.

Leggi anche...

Il progetto Manifattura 4.0 prevede misure a sostegno di attività di ricerca e innovazione per il settore che nel 2014 ha registrato un saldo negativo sul numero di imprese attive sul territorio lombardo.

Regione Lombardia ha messo on line la nuova e più completa versione di 'Muta', il portale grazie al quale gli imprenditori potranno compilare online tutti gli adempimenti relativi all'impresa

Acqua

Se si prolunga la situazione di siccità, un tavolo di emergenza per la gestione dello stato idrico.

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

Edison

Costruiamo insieme un futuro di energia sostenibile

EDISON vuole essere interlocutore e partner delle realtà locali e dei loro stakeholder, per trovare risposte e soluzioni concrete ai bisogni che esprimono.

TMC PUBBLICITA'

Restauro beni culturali: sponsorizzazione a costo zero per i Comuni

Stimolare i Comuni ad incrementare i rapporti con le concessionarie di pubblicità per procedere al restauro dei beni culturali di proprietà pubblica mediante contratti di sponsorizzazione a costo zero per i Comuni stessi.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2020 - P.Iva 12790690155