SEZIONE: TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE - AMBIENTE, ENERGIA - TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
SCENARI

Sempre più metropoli promuovono l'edilizia sostenibile

30 Agosto 2018
 

Si aprirà il 12 settembre a San Francisco il Global Climate Action Summit, appuntamento che riunirà sulla costa Ovest degli Stati Uniti leaders del mondo e operatori del settore urbanistica e pianificazione con l'obiettivo di "Portare l'Ambizione a un livello più alto", così si legge nel programma dell'edizione 2018. Ovvero, per celebrare i buoni risultati fin qui raggiunti con la pianificazione green e stabilire obiettivi ancora più alti in materia di azioni per rispettare i cambiamenti climatici.


La sfida del C40: difendere l'ambiente, con l'edilizia sostenibile
In occasione del summit il network C40 ha lanciato "una sfida" alle metropoli della terra: difendere l'ambiente, favorendo l'edilizia sostenibile. Sfida raccolta, tanto che i sindaci di alcune tra le più importanti città del mondo (Copenaghen, Johannesburg, Londra, Montreal, New York, Newburyport, Portland, San Francisco, San Jose, Santa Monica, Stoccolma, Tshwane, Vancouver e Washington), sono scesi in campo nella tutela di un futuro green, con l'obiettivo di creare entro il 2030 edifici a emissioni zero, ed entro il 2050 trasformare le vecchie costruzioni in edifici ecologici.
Il cambiamento climatico rappresenta una sfida esistenziale per alcune città in particolare, come New York: "Rendere i nostri edifici più sostenibili è una parte chiave della soluzione", ha detto il sindaco Bill de Blasio. "Vogliamo rendere Londra una città a zero emissioni entro il 2050", ha affermato il sindaco Sadiq Khan. "Stiamo lavorando duramente per consentire che i suoi edifici siano efficienti e alimentati con fonti pulite". E Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, ha commentato: "Con questo accordo le città stanno rendendo concreto l'accordo di Parigi sul clima, e stanno costruendo città migliori per le generazioni a venire. Ancora una volta, il futuro si sta svolgendo nelle città".


Le scadenze fissate dall'Unione Europea
L’Unione Europea, con l’ultima direttiva in materia pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, ha chiarito che ogni Stato dovrà porre degli obiettivi intermedi da raggiungere al 2030 e al 2040, predisponendo una strategia ben precisa. C’è tempo fino al 2020 perchè venga recepita dagli Stati membri e richiede, entro il 2050, un parco immobiliare, pubblico e privato, decarbonizzato e ad alta efficienza energetica, near-zero energy.
Sotto la lente ci sono, in particolare, gli edifici che consumano molta più energia di quanta ne producono, con l’obiettivo di tagliare tra l’80 e il 95% delle emissioni dell’inizio degli anni Novanta. Secondo le nuove norme, gli Stati membri dovranno portare lo smaltimento dei rifiuti in discarica al 10% entro il 2035. Oltre a un obiettivo di riciclaggio dei rifiuti urbani complessivamente pari al 65% entro il 2035, è previsto un obiettivo di riciclaggio specifico per gli imballaggi in plastica: entro il 2030 dovrà esserne riciclato almeno il 55 %.


A Oslo la prima città verde d'Europa
Procede intanto, a Oslo, la realizzazione della prima città verde d'Europa, totalmente ecosostenibile e a impatto zero. Sarà situata vicino all'aeroporto di Oslo ed è concepita per essere completamente autonoma sul fronte energetico e servita da mezzi elettrici che si autoguidano. Un progetto realizzato dalla Haptic Architects e Nordic Office of Architecture e i cui lavori inizieranno nel 2019, mentre i primi edifici si prevede che verranno terminati entro il 2022. La città del futuro avrà un estensione di 370 ettari e sarà la prima città aeroportuale a energia positiva, con sistemi intelligenti di illuminazione automatica prodotta con energia del tutto rinnovabile.

 

Il primato di Milano
La città di Milano è nella top 10 delle migliori città al mondo in tema di mobilità e trasporti. Il report di McKinsey dal titolo “Elements of success: Urban transportation systems of 24 global cities”, evidenzia che il capoluogo lombardo conquista la decima posizione grazie ai servizi di mobilità condivisa (2° classificato), per i pendolari (2° classificato), per efficienza dei trasporti privati (4°classificato), per efficienza del trasporto pubblico (6°classificato), per convenienza economica dei trasporti pubblici (8°classificato), per le connessioni con l’esterno (9°classificato), le comodità dei mezzi di trasporto (10°classificato). 
Secondo il report, Milano riesce a gestire in modo efficiente il trasporto privato. Nel 2012, grazie all’introduzione dell’”Area C”, il capoluogo ha ridotto il traffico del 33%, ovvero circa 40.000 auto al giorno, nel primo mese. Anche l’effetto a lungo termine è stato significativo e ha portato ad abbassare il numero di auto di circa il 28%. I servizi di mobilità condivisa sono una delle principali caratteristiche del sistema dei trasporti di Milano che conta al momento circa 3.000 auto  condivise, di cui quasi il 30% elettriche, circa 4.650  biciclette condivise, di cui 1.000 elettriche, circa 12.000 biciclette condivise senza dock e circa 100 scooter elettrici. 
Il miglioramento del trasporto  condiviso ha già mostrato risultati: circa il 12% degli intervistati ha già deciso di rinunciare a un’auto privata e circa l’8% probabilmente lo farà in futuro. I residenti di Milano apprezzano il servizio ferroviario, che con la sua rete assicura la copertura del 75% dei posti di lavoro e del 54% della popolazione e comprende quattro linee metropolitane (più una in costruzione) e 12 linee ferroviarie suburbane, che insieme servono più di 1 milione di passeggeri al giorno. 
Un altro aspetto percepito con favore dai residenti di Milano è la sostenibilità: i suoi capisaldi sono la diffusione del trasporto condiviso e il potenziamento delle infrastrutture pedonali e ciclabili. La città ha aggiunto oltre 70 chilometri di piste ciclabili dal 2011 e prevede di aggiungerne altri 250 entro il 2024. (VV)

Leggi anche...

I progetti dovranno essere presentati da almeno 3 soggetti pubblici o privati, provenienti da 3 diversi Paesi, con alcune eccezioni per linee di intervento. La scadenza per l’invio delle domande è fissata all’8 maggio 2013.

GREEN ECONOMY

L'indagine "Green PA: pratiche di consumo sostenibile a lavoro” realizzata da FPA ha indagato i consumi di 1200 dipendenti pubblici.

TENDENZE

Sono oltre 46mila le imprese agricole operanti in Regione, con Brescia prima per numero con circa 10mila.

Iterchimica

Strada duratura,
sicura ed ecologica.
Dalla progettazione al cantiere.

Iterchimica è un’azienda italiana che da oltre 50 anni mette a punto prodotti hi-tech ed ecosostenibili per la realizzazione di pavimentazioni stradali con prestazioni ottimali e durevoli.

Grazie alla sua esperienza è diventata un’eccellenza del settore, fornendo i suoi prodotti a più di 90 paesi in tutto il mondo.

Edison

Costruiamo insieme un futuro di energia sostenibile

EDISON vuole essere interlocutore e partner delle realtà locali e dei loro stakeholder, per trovare risposte e soluzioni concrete ai bisogni che esprimono.

Yes Ticket Srl

Strumenti di Welfare per dipendenti e cittadini

Soluzioni legate all’erogazione di servizi di buoni pasto/mensa diffusa, nonché alla corretta gestione della somministrazione di aiuti alle famiglie

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2020 - P.Iva 12790690155