SEZIONE: CULTURA, TURISMO E TRADIZIONI LOCALI
Laboratorio Cultura

Cultura e qualità del restauro

3 Luglio 2019
 

Fra gli ospiti che hanno animato il Laboratorio AnciLab sulla valorizzazione dei beni culturali non poteva mancare l'apporto di Assorestauro. L' Associazione Italiana per il Restauro Architettonico, Artistico, Urbano, fondata nel 2005, è la prima associazione italiana tra i produttori di materiali, attrezzature e tecnologie e i fornitori di servizi e imprese specializzate nata per rappresentare il comparto del restauro e della conservazione del patrimonio materiale sia a livello nazionale sia a livello internazionale.

 

“È un'eccellenza del settore a livello globale” ha detto l'architetto Sonia Vallese della segreteria tecnica dell'Associazione. “E si può ben dire che è fra i principali riferimenti del made in Italy”. Non solo, ma, come ci dicono i numeri che l'architetto Vallese ha presentato nel corso del Laboratorio, Assorestauro è una risorsa di rilievo in Italia. Sono infatti 2900 le imprese che costituiscono la categoria della conservazione e restauro di opere d'arte. Di queste, 750 operano nell'ambito dei beni immobili tutelati. Per quanto riguarda il comparto dell'architettura ed edilizia di riqualificazione, il settore rappresenta la parte più consistente dell'economia della cultura in Italia (35%).

 

Il settore comprende altri diversi comparti: dal restauro di opere mobili (arte, reperti, arredamento), ai materiali cartacei e ai tessuti, dalla produzione di tecnologia e materiali innovativi ai servizi quali progettazione, analisi e diagnosi.

 

Come ha raccontato l'architetto Vallese, dal 2006 al 2018 Assorestauro ha organizzato workshop itineranti del restauro, coinvolgendo 270 imprese e visitando più di 150 cantieri, con la partecipazione di 450 delegati internazionali. Nel 2018 il workshop ha interessato città del nord e,nella nostra regione, le tappe sono state Milano, Mantova, Sabbioneta e San Benedetto Po.

Quest'anno il workshop si è spostato a sud visitando ancora luoghi famosi in tutto il mondo, come per esempio Ercolano e Pompei.

 

Altra attività interessante è il corso di restauro dell'architettura moderna. “ In Italia l'11% degli edifici sono stati costruiti fra il 1910 e 1945 e spesso rappresentano prototipi di architettura che hanno utilizzato nuovi materiali e tecniche costruttive all'avanguardia. Un esempio è il corso di architettura moderna realizzato in collaborazione con il Comune di Modena, sviluppato in tre moduli per gli architetti della provincia e le amministrazioni locali.

 

 

Il restauro è dunque “un comparto che, se analizzato nel suo complesso, rappresenta una forte componente di mercato e ha importanti ricadute nel settore turistico, dell’industria e della bioedilizia. Assorestauro, inoltre, su sta impegnando per diffondere buone prassi che si caratterizzino per cultura e qualità. E guarda anche al futuro- Il patrimonio pubblico è infatti vincolato dopo 75 anni e questo riguarderà, fra10 anni, i quartieri di edilizia popolare, un pezzo della nostra storia che andrebbe valorizzato”.

 

Leggi anche...
Laboratorio Cultura

I musei di proprietà degli enti locali costituiscono la percentuale più elevata dei musei italiani

cultura

fino al 15 settembre è possibile presentare le candidature

cultura

“Ciak #inLombardia” valorizza l'aspetto cinematografico della nostra regione

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2019 - P.Iva 12790690155